L'attrice Sharazad Cioffi
L'attrice Sharazad Cioffi

Livorno, 10 agosto 2015 - Sulle orme di Robert De Niro e Julia Roberts c’è anche Sharazad Cioffi, 29enne livornese, in partenza niente meno che per il celeberrimo «Actor’s Studio». Andiamo per ordine. «Ho partecipato ad “Act Italy” a luglio, un concorso nazionale per attori molto importante che si è tenuto al Teatro Parioli di Roma – spiega l’attrice – Il concorso era sotto la direzione artistica della famosa attrice e insegnante Fioretta Mari e metteva in palio numerosi premi. Tra tutti questi era in palio un premio assoluto, il più importante: il “Dream Act”, ovvero una borsa di studio in America all’Actor’s Studio, la scuola di cinema più prestigiosa al mondo. Mi è stato consegnato direttamente da Anna Strasberg, direttrice della sede dell’Actor’s Studio di New York, che era presente in sala insieme ad altri personaggi dello spettacolo italiani e americani». Sharazad, orgogliosa e fiera della sua città, racconta di aver iniziato – come spesso accade – per gioco.
Poi cos’è cambiato?
«Da adulta il pensiero si è concretizzato. Erano anni che cliccavo sul sito dell’Actor’s Studio, sospiravo e poi chiudevo: troppo costoso. Ora invece – racconta Sharazad – andrò a frequentare un fantastico corso per un intenso mese».
E’ partita da Livorno?
«Sì, è iniziato tutto al teatro Vertigo, quando avevo 8 anni. Mi sono diplomata nel 2010 e poi mi sono trasferita a Roma dove ho frequentato delle masterclass con Bernard Hiller. Nel mio curriculum ci sono anche stage con Giovanni Veronesi, poi nel 2012 mi sono trasferita a Milano per l’accademia di doppiaggio con Roberto Pedicini e Christian Iansante. E’ stato proprio a Milano – prosegue l’attrice – che mi sono avvicinata al metodo americano con John Strasberg, figlio di Lee che ne fu l’ideatore». 
Insomma, si avvera il sogno americano. Come nei film...
«Esattamente! Starò a New York per un mese – e naturalmente spero di prolungare la mia permanenza lì – Partirò ad agosto del prossimo anno, intanto mi trasferirò da settembre a Roma. Intanto studierò e perfezionerò il mio inglese».
Rinunce, studio e alla fine...
«Mi sono aggiudicata anche il primo posto nella categoria “Attori comici”, vincendo una seconda borsa di studio alla Golden Star Academy: ora mi trasferisco a Roma per perfezionare il mio inglese. Ho studiato solfeggio e teoria musicale con Cristina Rampini presso la Scuola Professionale “On Stage Academy”, dove sono stata preparata da Manuel Gervasoni per la partecipazione al concorso Act Italy».
Sharazad non è il tipico nome livornese. Che storia nasconde?
«È un nome arabo, lo stesso di una grande amica di mia mamma. Per l’affetto che le lega, mi ha chiamato così. Anche i miei genitori sono entusiasti, mia madre più di tutti mi ha sostenuto».