Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

"Consegnate 1.500 firme in Regione, Solvay costruisca un dissalatore"

A tornare sul tema dell'emergenza idrica in Bassa Val di Cecina sono il Comitato per la salute pubblica e Medicina Democratica

Ultimo aggiornamento il 10 luglio 2017 alle 11:10
I sindaci di Volterra e Pomarance hanno chiesto l’attivazione del Piano di emergenza

Val di Cecina (Livorno), 10 luglio 2017 - “Il governatore Rossi ha dichiarato lo stato di emergenza idrica per tutta la Toscana, il direttore generale dell’Autorità Idrica Toscana, Mazzei, ha dichiarato che la Val di Cecina è uno dei territori dove la situazione è tra le più critiche. Ma in realtà, sia in Regione, sia localmente i sindaci, prospettano solo palliativi non risolutivi, certamente molto costosi per la collettività ma anche remunerativi per chi li realizzerebbe”. A tornare sul tema dell’emergenza idrica con una nota congiunta sono il Comitato per la salute Pubblica Val di Cecina e Medicina Democratica, che poi proseguono evidenziando che “i sindaci di Volterra e Pomarance hanno chiesto l’attivazione del Piano di emergenza idrica per la siccità già evidente. Infatti il grosso della nostra acqua è monopolizzato dall'industria a discapito delle popolazioni. In alcune zone dell'alta valle già ora la fornitura viene effettuata con le autobotti. Diventa sempre più chiaro, quindi, che l’emergenza idrica è diventata un business”.

“Abbiamo consegnato in Regione – proseguono le due realtà locali – oltre 1.500 firme sulla petizione popolare promossa da alcune associazioni di difesa del territorio, che chiede la costruzione di un dissalatore a Rosignano, da cui Solvay ricavi acqua e sale necessari alla sua produzione. Una mozione è stata presentata anche dal gruppo misto “Toscana per tutti” e sarà discussa a luglio in consiglio regionale. Chiediamo che Solvay lasci l’acqua di falda alla popolazione e il prezioso e non riproducibile salgemma volterrano alle generazioni future. Salgemma che costa a Solvay, in base al “Contratto di collaborazione industriale” tra Solvay ed Eti del 1996 solo 1.700 lire a tonnellata, equivalenti a 80 centesimi di euro, molto meno di quanto fissato dal Ministero del Finanze nel 1956 ,considerata l’inflazione nel frattempo maturata, in 210 lire a tonnellata. Solvay ha concessioni per l'acqua, sotterranee e superficiali, in Provincia di Pisa per ben 15,1 milioni di metri cubi annui, che ha pagato nel 2016 appena 298mila euro, quanto nel 2012. Un canone irrisorio pari a 2 centesimi di euro al metro cubo per gli usi industriali, a fronte dei circa 3 euro pagati in bolletta dai cittadini utenti del Servizio Idrico Integrato. La costruzione di un dissalatore, alimentato ad energie rinnovabili, sarebbe un volano di sviluppo e rilancio dello stabilimento e della sua occupazione, che al contrario ad oggi ha toccato il suo minimo storico”. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.