Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

"Un mondo libero da armi nucleari" alla Primavera della scienza

Mercoledì alle 16.30 al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Ultimo aggiornamento il 22 maggio 2017 alle 13:22
L'Enola Gay che sganciò la prima bomba atomica (Ansa)

Livorno, 22 maggio 2017 – Prosegue con successo il ricco calendario di appuntamenti della “Primavera della Scienza”, il programma scientifico che il Comune di Livorno promuove ogni anno grazie alla collaborazione di numerose associazioni cittadine e giunto alla XIII edizione. Il tema di quest'anno è “Le calamità naturali: la conoscenza dei fenomeni per una possibile difesa”. Il prossimo evento è in calendario per mercoledì 24 maggio alle ore 16.30 al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo in via Roma con la presentazione del libro “Per un mondo libero da armi nucleari” edito dalla Pisa University Press e curato da Enza Pellecchia, docente dell'Università di Pisa e direttore del Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace (CISP).

L'evento è organizzato dal Caffè della Scienza. Accanto alla curatrice, interverranno l'assessore Andrea Morini, il rettore dell'Università di Pisa Paolo Mancarella, il professor Francesco Lenci del Caffè della Scienza, il vicepresidente della Commissione Difesa Massimo Artini, il presidente della Provincia di Livorno Alessandro Franchi e Daniele Santi di Senza Atomica. ll libro contiene saggi che affrontano da diverse prospettive geopolitica, storica, etica, giuridica, la questione delle armi nucleari e la necessità del disarmo. I temi affrontati sono tanti, ma esiste un denominatore comune e questo denominatore è il tema della responsabilità. Non solo responsabilità per qualcosa, ma anche responsabilità verso qualcuno. Responsabilità degli scienziati, prima di tutto: quelli che costruirono la bomba atomica, ma anche quanti oggi continuano a fare ricerca in ambiti in cui libertà ed etica possono entrare in conflitto.

Responsabilità di chi, politici e militari, decise di usare la bomba atomica. Ma c’è anche la responsabilità di noi tutti, nell’attivarci per esigere un mondo libero da armi nucleari. La rassegna della Primavera della scienza proseguirà fino a sabato 10 giugno con tante altre iniziative, accompagnando grandi e piccini in un viaggio alla scoperta del nostro territorio e offrendo spunti di riflessione sulle molte tematiche legate a eventi naturali straordinari come terremoti e inondazioni e sui cambiamenti climatici, mai come oggi di grande attualità. Per informazioni sulla Primavera della Scienza: Ufficio Cultura Scientifica del Comune di Livorno, tel. 0586 820494, e-mail: culturascientifica@comune.livorno.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.