Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Capri-Napoli, Ghettini (Rari Nantes Spezia) re della classica del Gran Fondo

Impresa del fondista genovese trapiantato nel Levante ligure Francesco Ghettini: l'atleta della Rari Nantes Spezia s'impone nella leggendaria Capri-Napoli

di CHIARA TENCA
Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2018 alle 17:55
Ghettini sul podio della Capri-Napoli

La Spezia, 11 settembre 2018 - Dopo la vittoria nella terza tappa di Coppa del Mondo delle Maratone nella 25 km sul lago Ohrid, l’atleta della Rari Nantes Spezia tesserato Marina Militare Francesco Ghettini si è aggiudicato la gara di gran fondo più suggestiva, la Capri-Napoli, entrando così di diritto nell’Olimpo del nuoto: un successo da scrivere negli annali, dato che da ben 48 anni un italiano non trionfava nel percorso intero (Matteo Furlan arrivò primo lo scorso anno, ma su lunghezza ridotta a causa delle avverse condizioni meteomarine, ndr).

A rendere ancora più dolce per il nuoto tricolore il Golfo sotto il Vesuvio, c’è stato il bis al femminile di Barbara Pozzobon e il secondo posto di Alice Franco. Esordiente, ma costante e capace di tenere la giusta concentrazione per tutta la gara, l’atleta allenato da Simone Menoni chiude in 6h56’11’03 davanti al macedone Evgenij Pop Acev (6h59'59"00) e all’olandese Lars Bottelier (7.00.25"00), arrivando al traguardo dopo oltre tre chilometri in solitario, precedendo anche un altro campione del fondo ligure, Edoardo Stochino, classificatosi quarto.

Dopo lunghi sacrifici, si dimostra vincente la scelta di Ghettini, che lo scorso anno aveva dato prova della sua stoffa anche di fronte ai tifosi spezzini vincendo la Coppa Byron, di trasferirsi dal capoluogo ligure per arrivare alla corte di Menoni, che ha visto i suoi ragazzi protagonisti di un’annata eccezionale. Nonostante abbia spostato alla Spezia il suo quartier generale, Francesco ha sempre nel cuore la sua Genova e lo ha dimostrato anche in questa occasione: ha, infatti, dedicato la sua vittoria più bella alla città piegata dalla tragedia del ponte Morandi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.