Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Nei borghi del cartografo Vinzoni tre giorni di Festival delle geografie

Appuntamenti a Framura, Bonassola e Levanto. Decine di escursioni e conferenze. Tra gli ospiti Luca Mercalli, Sysy Blady e Patrizio Roversi

Ultimo aggiornamento il 5 aprile 2017 alle 15:54
Syusy Blady e Patrizio Roversi

La Spezia, 5 aprile 2017 - IN QUALE ALTRO luogo avrebbe mai potuto trovate collocazione, un Festival delle geografie, se non in una terra geograficamente incantevole? Saranno tre piccoli gioielli della riviera spezzina a ospitare, da domani a domenica, la poliedrica kermesse. Un fitto calendario di eventi pensato per promuovere il territorio ma anche la geografia, anzi le geografie, strumento di conoscenza e interpretazione del mondo. Quella “materia dimenticata” che a scuola poco si insegna e ancor meno si studia per poi scoprirne, vivendo, la bellezza e l’essenzialità. Nel programma del Festival ci sono escursioni a piedi e in bici, manifestazioni culturali, una regata internazionale, mostre e spettacoli; il tutto avrà come palcoscenico il mare e i borghi di Framura, Bonassola e Levanto. Tra i relatori delle conferenze anche Luca Mercalli, Patrizio Roversi e Syusy Blady, Fabrizio Bartalett, Alessandro Palmas, Stefano Giuliani.

UNA SCELTA, quella dei tre borghi, che trova le sue motivazioni non solo nel paesaggio mozzafiato ma anche nella storia. A Montaretto, frazione del comune di Bonassola, nacque nel 1690 il cartografo Matteo Vinzoni. Figlio di Panfilo, affermato cartografo e topografo della Repubblica di Genova, collaborò col padre sin da giovanissimo. E’ considerato un innovatore e il suo lavoro viene indicato tra le basi della cartografia moderna: prima di elaborare una mappa, amava svolgere studi sulla geografia e geologia del territorio. Si fece conoscere, fino a diventare anche lui cartografo ufficiale della Repubblica di Genova. Morì nel 1773 a Levanto.

NELL’AMBITO del Festival, sono già in corso e proseguono fino a domenica due mostre: “Matteo Vinzoni raccontato dalla graphic novel di Carola Perfigli” alla Torre Carolingia di Costa a Framura e “Il viaggio in Amazzonia attraverso le tavole di Giulio Ferrario, un plumario straordinario e un documentario di Giovanna e Marco de Poli” allo Spazio Luzzati, primo piano del Comune di Levanto. Venerdì prendono il via escursioni (la mattina), conferenze e dibattiti (nel pomeriggio) e gli spettacoli (la sera), con un calendario ricchissimo.

A ORGANIZZARE il “Festival delle geografie - Da Matteo Vinzoni a Openstreetmap” è l’associazione Officine del Levante in collaborazione con i Comuni di Framura, Bonassola, e Levanto e con il Club per l’Unesco di Levanto e Cinque Terre. L’iniziativa è patrocinata da Regione Liguria, Touring Club, Fai, Società Geografica Italiana, Geo4map, Legambiente, Università di Genova e Wikimedia. Oltre che promuovere il territorio, l’obiettivo della manifestazione, ha spiegato Laura Canale delle Officine del Levante, è anche «riportare agli onori la geografia, che oggi non è quasi più studiata nelle scuole, come bussola per orientarsi nel mondo moderno e far comprendere meglio il territorio e le sue trasformazioni». Nel Festival, le geografie vengono suddivise in quattro aree tematiche: «Abbiamo pensato – spiega Canale – alla geografia della terra, del mare, dello spazio e dalla mente e ognuna di queste quattro aree avrà nell’ambito del Festival una sua mappa precisa»

LA TRE GIORNI del primo Festival delle geografie ospiterà, tra gli appuntamenti, anche laboratori di scuola – lavoro con gli studenti del liceo Pacinotti di Levanto. I dettagli ni sul sito web delle Officine del Levante www.officinelevante.org e ai point 5Terre nelel stazioni.

IL PROGRAMMA a grandi linee. Già in corso le mostre ‘Matteo Vinzoni raccontato dalla graphic novel di Carola Perfigli’ (Torre Carolingia a Framura) e ‘Il viaggio in Amazzonia attraverso le tavole di Giulio Ferrario,  un plumario straordinario  e un documentario di Giovanna e Marco de Poli’ (allo Spazio Luzzati a Levanto). Per le 18 escursioni guidate (a piedi, in bicicletta e per mare), che si svolgono la mattina, la prenotazione è obbligatoria. Nei pomeriggi le conferenze e nelle tre sere gli spettacoli. Il programma del festival può essere consultato sul sito www.officinelevante.org. Per gli spettacoli, a Levanto, venerdì alle 21 in S. Andrea concerto “I Liguriani”. Sabato alle 21 l’opera “Viaggi di carta e musica, Matteo Vinzoni”, scritta e eseguita da docenti e allievi del conservatorio Paganini. Domenica ore 21 all’Ospitalia del Mare spettacolo teatrale. Sabato Raid internazionale di catamarani 18, intitolato a Peter Pan, da Sestri Levante a Levanto. Partenza dalla Baia delle Favole alle 14 Arrivo a Levanto tra le 16 e le 17 davanti al Casinò: i catamarani resteranno fino a domenica sulla spiaggia della Pietra. Utile il Geopass, baccialetto o card, dà diritto a ingresso gratuito ai tre spettacoli e sconti del 10 o 20% sulle escursioni. Si prenota a officinedellevante@gmail.com o si acquista direttamente ai point 5terre nelle stazioni e costa 25 euro.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.