‘Il brodo di Natale in Emilia-Romagna’ è un viaggio ideale lungo la via Emilia, le sue città e le sue diversità gastronomiche, raccontate attraverso le ricette dei primi piatti in brodo che sono il must della tavola natalizia di questa terra. Il libro verrà presentato oggi alle 17.30 alla Locanda Miranda di Gianni D’Amato a Tellaro. Gli autori Irene Fossa e...

‘Il brodo di Natale in Emilia-Romagna’ è un viaggio ideale lungo la via Emilia, le sue città e le sue diversità gastronomiche, raccontate attraverso le ricette dei primi piatti in brodo che sono il must della tavola natalizia di questa terra. Il libro verrà presentato oggi alle 17.30 alla Locanda Miranda di Gianni D’Amato a Tellaro. Gli autori Irene Fossa e Mattia Fiandaca, con questa pubblicazione vogliono non solo perpetuare la tradizione emiliano-romagnola del brodo, ma anche sostenere concretamente chi ha fatto della pasta una terapia vitale: per ogni donazione ricevuta e per ogni copia del libro venduta, parte del ricavato viene devoluto a Il Tortellante di Modena, laboratorio abilitativo dove giovani e adulti nello spettro autistico imparano a produrre pasta fresca fatta a mano e in particolare, non a caso, i tortellini modenesi. Una ricetta per ogni città, quindi, accompagnata da un ricordo e da una storia personale: il tutto impreziosito da una diversa opera realizzata appositamente da Lucia Catellani, grafica e illustratrice di Reggio Emilia che da anni si occupa in particolare di rappresentare il cibo, tavole e piatti. Quello che scorre nelle pagine del volume non sono tanto e semplicemente numeri, grammi o centilitri dei diversi ingredienti. Ogni ricetta è infatti anche storia, racconto, aneddoto famigliare in cui riconoscersi o immedesimarsi. Ed è grazie alla fermata nella città di Reggio Emilia, che i due autori hanno potuto fare la conoscenza di Fulvia Salvarani, presidente dell’associazione del Cappelletto Reggiano, ma anche compagna di vita e di lavoro dello chef Gianni D’Amato che, meno di un anno fa, è approdato proprio al ristorante tellarese. Nell’appuntamento odierno non mancherà un assaggio di cappelletti in brodo e del Natale come lo si vive in Emilia-Romagna.

marco magi