Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
2 ago 2022
2 ago 2022

Tre milioni per sostenere le famiglie

2 ago 2022

Grazie ai tre milioni di euro aggiudicati al Comune della Spezia attraverso il bando Pnrr, si potrà fornire sostegno alle famiglie che hanno una persona disabile, tramite percorsi di inserimento lavorativo e ristrutturazioni abitative; inoltre saranno utili e fondamentali per sostenere l’housing temporaneo e anche le stazioni di posta per persone senza fissa dimora. "Un provvedimento importante che darà grande ossigeno ai servizi sociali, ma soprattutto alle persone in difficoltà – dichiara con orgoglio il sindaco Pierluigi Peracchini – . A realizzare tutti i progetti connessi saranno i distretti, in grande sinergia, come è giusto che accada. Da parte nostra valutiamo sempre con grande serietà l’opportunità di partecipare ad ogni bando Pnrr possibile, proprio perché ogni euro da Roma non vada sprecato sui territori. Per questo è doveroso un sentito ringraziamento al grande lavoro degli uffici e dell’assessorato competente". La Giunta Peracchini, su proposta dell’assessore ai Servizi sociali Lorenzo Brogi, ha approvato infatti nella giornata di ieri l’accordo tra i distretti sociali numero 17, 18 e 19 e l’Azienda sociosanitaria ligure 5, per la realizzazione dei progetti che si basano sulle linee di investimento 1.1, 1.2 e 1.3 della missione 5 del Pnrr. "Una progettazione che mira alla tutela delle persone più fragili – ha detto Brogi, su uno dei primi atti della sua recente nomina – . Continuiamo con il sostegno alla disabilità e il pieno appoggio del Comune verso tutte quelle azioni che possono aiutare le fasce più deboli, per una città a misura di uomo, aperta alle nuove esigenze e attenta, naturalmente, anche alle nuove povertà". L’accordo assicura la programmazione, la progettazione integrata, il coordinamento e l’integrazione delle azioni finalizzate alla realizzazione degli interventi rivolti a persone vulnerabili, prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti; percorsi di autonomia per persone con disabilità; e infine l’housing temporaneo e le stazioni di posta per le persone senza dimora.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?