Tribunale (foto d'archivio)
Tribunale (foto d'archivio)

La Spezia, 28 ottobre 2017 – Sono state costrette dalla sorella maggiore, quella che avrebbe dovuta proteggerle e aiutarle nella crescita, a svestirsi, fino a rimanere completamente nude. Una di loro è stata addirittura indotta alla prostituzione. Il tutto sotto la minaccia di un taglierino alla mano. Vittime della violenza sono state due ragazze residenti alla Spezia, all’epoca dei fatti ancora minorenni. Una delle due sorelle costrette a svestirsi aveva infatti soltanto 14 anni, l’altra, sedicenne, è stata fatta entrare, dalla sorella maggiore, nel vortice della prostituzione.

I fatti, dicevamo, risalgono al gennaio 2013. La sorella maggiore, oggi 23enne, al fine di produrre materiale pornografico e forse approfittando dell’assenza dei genitori in casa, spesso si avvicinava alle sorelle e con fare minaccioso le obbligava a rimanere completamente nude. Le fotografava e poi lanciava su internet quelle immagini, forse al fine di ricavarne un guadagno. Immagini sconcertanti con le due minorenni in posa, che sono arrivate fino in Spagna, nella rete della pornografia. Ad accorgersi di quelle fotografie azzardate, che ritraevano due minorenni nude, è stata la Polizia postale, i cui funzionari si sono messi in contatto con i genitori, scoprendo poi uno scenario raccapricciante. Il padre delle sorelle, all’oscuro di quanto stava succedendo all’interno dell’abitazione, mosso ovviamente dall’intento di proteggere le due figlie più piccole che a stento riuscivano a nascondere la loro disperazione, non ha esitato di fronte alla denuncia degli inquirenti: ha agito d’impulso, querelando a sua volta la figlia maggiore, che nel 2013 aveva 19 anni (omettiamo le generalità, a tutela delle vittime del reato).

La querela è approdata sul tavolo della Dia di Genova, trattandosi di scambio di materiale pedopornografico e poi in Tribunale, sempre a Genova, dove ieri la ragazza autrice delle violenze nei confronti delle sorelle è stata rinviata a giudizio con l’accusa di pornografia minorile, con l’aggravante del reato continuato e che le persone offese sono minori di 18 anni. Un’accusa pesante per una ragazza oggi di 23 anni che avrebbe potuto avere davanti a sé un futuro allegro e sereno ma che alle risate con gli amici e alla spensieratezza della sua età ha consapevolmente preferito altri passatempi, ‘segnando’ la sua vita ma soprattutto quelle delle due sorelle, comprensibilmente provate di quanto hanno dovuto, loro malgrado, subire. La 23enne è assistita dall’avvocato spezzino Mauro Boni, del foro della Spezia: la prima udienza è fissata per il prossimo 19 dicembre.

Laura Provitina