Giallisti fin nel midollo. Santo Stefano cala il suo ’Poker di limoni’

Appuntamento venerdì, a partire dalle 18, al centro sociale Ruffini. Ospiti quattro scrittori liguri: Della Croce, Pelagotti, Raule e Ansaldo.

Giallisti fin nel midollo. Santo Stefano cala il suo ’Poker di limoni’

Giallisti fin nel midollo. Santo Stefano cala il suo ’Poker di limoni’

Ma perché ‘Poker di limoni’? Si parla di libri gialli, ecco perché. Al centro sociale Ruffini, in via Vecchia del Piano – adiacente alla tensostruttura Conti – di Santo Stefano Magra, si terrà venerdì, a partire dalle 18, un incontro a cui prenderanno parte quattro scrittori liguri, autori di gialli: tre spezzini, Marco Della Croce con ‘Nero come la neve’, Corrado Pelagotti con il suo ‘Trittico di morte’ e Susanna Raule con ‘Detective fantasma’ (a firma Vanessa R. Riley), e il savonese Massimo Ansaldo con il suo ultimo giallo ‘I delitti di Genova’. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la libreria Liberi Tutti della Spezia e al cui termine sarà offerto ai presenti un piccolo aperitivo, rientra nella cornice della rassegna letteraria ‘Non ci resta che leggere’.

Della Croce propone ‘Nero come la neve’, fra omicidi nei vicoli del centro di Spezia nel 1938 e il regime fascista che sta preparandosi alla Seconda Guerra Mondiale. Anche il ‘Trittico di morte’ di Pelagotti è ambientato alla Spezia, ma non solo, perché ci sono divagazioni a Milano (dove ha vissuto a lungo l’autore) e Porto Venere, in un’intricata investigazione con protagonista un serial killer. Il ‘Detective fantasma’ è il seguito del ‘Club dei cantanti morti’, ottimo esordio di Jack Wyte e del suo mondo, sempre sospeso tra l’aldilà e l’aldiquà. Ricordiamo la trama, naturalmente evitando spoiler, riportando un recap che si può trovare ovunque e che comunque non anticipa nulla: Jack Wyte è morto, ed è stata una strana faccenda, il genere di faccenda che quando ti chiedono ‘Come sei morto?’ ti dà il diritto di rispondere ‘È complicato’. Ansaldo invece è di Varazze, ma vive proprio nella nostra città. Il protagonista de ‘I delitti di Genova’, un commissario di polizia, agisce nel capoluogo e vive uno strano rapporto ‘domestico’ pieno di mistero e continui colpi scena, con un nibbio reale che ha posto il suo nido nel cortile di casa.

Marco Magi