Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

E’ pericoloso abbandonarsi al vittimismo

massimo
Cronaca

Massimo

Benedetti

Lo Spezia arriva da quattro sconfitte consecutive, però contro avversari che si chiamano Inter, Torino, Lazio e Atalanta. Forse pensava di essere già salvo, ma gli exploit del Genoa e soprattutto della Salernitana hanno minato le certezze. Immaginate come sarebbe la classifica adesso solo se il Cagliari avesse battuto il Verona quindici giorni fa. La salvezza è ancora da conquistare, questo è fuori dubbio, però bisogna evitare di cadere nel vittimismo indotto dalle decisioni arbitrali avverse e ancor peggio nel complottismo, come purtroppo sta succedendo. Perché sarebbe pericolosissimo. Il torto subìto per il gol di Acerbi in fuorigioco è sotto gli occhi di tutti e non si discute, il danno di un punto scippato è evidente, ma da qui a dire che c’è un disegno occulto per fare retrocedere lo Spezia ce ne passa. E poi perché? Per il bacino di utenza troppo piccolo per la serie A? Da questo punto di vista non è che l’Empoli lo abbia più ampio, eppure è già salvo. No, come sempre conta il campo e lo Spezia è padrone del proprio destino. Nel calcio sono determinanti le motivazioni, oltre che i valori, e domani a Udine quelle delle Aquile dovranno essere fortissime per strappare quel risultato positivo che ancora manca per tagliare il traguardo e non farsi beffare in extremis.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?