Nuovo Progetto di utilità collettiva per i percettori del reddito di cittadinanza ad Arcola. I primi due progetti, già attuati dal Comune, erano rivolti alla manutenzione del verde e allo spazzamento; quello attuale impiegherà sei persone, uomini e donne, e sarà preceduto da un percorso di formazione che inizierà la prossima settimana. Conclusa la formazione e le visite mediche, da inizio di aprile i sei lavoratori, tre individuati dal centro per l’impiego di Sarzana e tre dai servizi sociali del comune di Arcola, saranno utilizzati per collaborare al pre ingresso a scuola, quando ce ne fosse necessità, o per un supporto in occasione di manifestazioni culturali, anche da un punto di vista organizzativo, e per l’accoglienza all’ingresso della sede del municipio per controllo Covid e per informazioni (dovranno misurare la temperatura degli utenti prima che accedano a palazzo civico e dare delucidazioni su appuntamenti e posizione degli uffici).

"Il reddito di cittadinanza ha senso se va oltre il mero assistenzialismo e questi progetti provano a dare una risposta in questa logica. Il terzo progetto di utilità collettiva – spiega l’assessore al Sociale Gianluca Tinfena – che facciamo partire ha una duplice finalità: impiegare le persone che hanno bisogno di sentirsi utili dopo mesi di inattività ma anche dare risposte ad alcune esigenze del territorio".