Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L'organo Paoli fra le dita del noto maestro Bougeat

Concerto de 'Il Suono del Tempo' lunedì 20 agosto a Sesta Godano con le musiche di Sweelinck, Back e Hugl

di MARCO MAGI
Ultimo aggiornamento il 20 agosto 2018 alle 14:44
Paolo Bougeat

Sesta Godano, 20 agosto 2018 – Le musiche sono di Sweelinck, Pachelbel, Bach, Platti, Hugl e Moretti. Il protagonista Paolo Bougeat. Appuntamento lunedì 20 agosto, alle 21.15, nella chiesa Santa Maria Assunta di Sesta Godano, per il nuovo appuntamento della rassegna musicale 'Il Suono del Tempo – Antichi Organi 2018', progetto dell’associazione musicale César Franck (con il contributo della Fondazione Carispezia) finalizzato alla diffusione della cultura musicale e alla valorizzazione del patrimonio organario della provincia della Spezia e della Lunigiana, un territorio che vanta la presenza di oltre cento antichi organi e che storicamente rappresenta un importante crocevia tra l’arte organaria italica (toscana, lombarda, piemontese e ligure) e le influenze mitteleuropee (fiamminga, francese e svizzera-austriaca).
Paolo Bougeat è nato ad Aosta nel 1963, si è diplomato in Organo e Composizione Organistica e in Clavicembalo al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Tra i vari corsi di perfezionamento rivestono una particolare importanza quelli di Cremona attinenti al repertorio organistico francese antico, romantico e contemporaneo. Ha tenuto oltre 500 concerti tra Italia, Europa e Stati Uniti, ottenendo premi e riconoscimenti internazionali anche per la sua attività di compositore. In campo musicologico ha dedicato libri agli strumenti della sua terra. Particolarmente interessato ai nuovi orizzonti dell'arte organaria, ha curato i progetti fonici di nuovi organi valdostani. Attualmente è docente di Organo e Composizione organistica all'istituto superiore di Studi Musicali della Valle d'Aosta.

Bougeat suonerà su uno strumento del quale è appena terminato il restauro ad opera della ditta Marin di Genova, firmato dalla fabbrica di organo Paoli di Chiavari e risalente alla fine del XX secolo. La fabbrica organaria Paoli, che era specializzata nel restauro di antichi strumenti di Scuola ligure, costruì i quel periodo in Val di Vara ben 12 organi. Collocato in cantoria sopra l'ingresso, presenta un prospetto ad unica campata, con 31 canne di facciata disposte a cuspide centrale ed ali laterali. Tastiera di 61 tasti e prima e prima ottava cromatica e pedaliera a leggio di 17 pedali e prima ottava cromatica. I registri sono azionati da manette poste su due file alla destra della tastiera. L'entrata al concerto è libera.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.