La gioia per il gol di Galabinov
La gioia per il gol di Galabinov

Cittadella (Pd), 9 febbraio 2019 – Decide un gol di Galabinov nella vittoria dello Spezia a Cittadella, nono risultato utile consecutivo degli aquilotti, davvero in un gran momento di forma. Nella quarta di ritorno, una rete del bulgaro, nella ripresa, con i veneti in inferiorità numerica, porta lo Spezia a quota 34 in classifica, ben stabile in zona playoff.

Per Pasquale Marino, vista l'emergenza in difesa per la contemporanea assenza di Vignali, Terzi e Capradossi, la scelta ricade su Crivello piazzato da centrale sulla sinistra e De Col (anche la fascia di capitano) sulla destra. In attacco Gyasi, spostato però sulla destra, viene preferito a Galabinov e Da Cruz. Dall'altra parte Roberto Venturato manda in campo in attacco Moncini e Diaw, supportati da Schenetti, mentre a centrocampo c'è l'ex aquilotto Proia.

Dopo 3' una grande occasione per lo Spezia con Bidaoui ad andare via sulla fascia sinistra Parodi e crossare al centro, dove Okereke non colpisce bene, mandando sul fondo, anticipando Gyasi piazzato sul secondo palo. Protestano timidamente i padroni di casa per un tocco di Mora sul piede d'appoggio di Settembrini che cade in area (5'). Dà solo l'illusione del gol il collo destro di Schenetti che finisce sull'esterno della rete al 13'. Doppia soluzione per Diaw a destra e sinistra in contropiede 4 contro 3, ma l'attaccante spreca calciando lontanissimo dallo specchio. Il colpo di testa di Okereke, disturbato da Gori, manda alto sul traversone dalla destra di Ricci dopo un corner (30'). Un minuto dopo, la palla sfiora l'incrocio sulla girata di destro di Okereke da centro area, su assist a mezza altezza di Gyasi dalla destra.

Rimane immobile Paleari sulla conclusione al volo di Bartolomei che sfiora il palo alla sua destra, dopo il cross di Mora dalla destra (32'). Un'altra occasione per Okereke che viene anticipato dal portiere in uscita, favorito anche da un rimpallo (33'). Azione elaborata con Augello per Okereke, il tocco per Bidaoui che controlla e quando colpisce, gli viene deviato il tiro da Frare (37'), mentre Gyasi attendeva la palla davanti alla riga di porta. Si fa tutto il campo De Col, dopo aver interrotto l'azione avversaria nella propria area, poi conclude ma sul fondo (39'). Al 46' la punizione di Bartolomei deviata finisce di un niente sul fondo rasoterra, poi il destro di De Col, anch'esso toccato, sfiora l'incrocio. Allo scadere l'esterno di Bartolomei, servito da Mora, non gira abbastanza e neppure Gyasi riesce a deviare sotto porta.

Dopo l'intervallo rientrano gli stessi 22 in campo e dopo soli 5' i padroni di casa rimangono in dieci uomini per il secondo giallo rimediato da Adorni, per fallo su Okereke lanciato in contropiede. Poi la punizione di Bartolomei s'infrange sulla barriera. Va via Okereke a Camigliano, poi calcia di sinistro a giro, ma altissimo. Respinge bene centralmente a mano aperta Paleari la forte conclusione di Bidaoui al 18'. Vede bene l'arbitro al 20' quando non concede il penalty allo Spezia, quando De Col va a terra in area (dopo il tacco smarcante di Gyasi), ma dopo aver colpito fallosamente Proia, che gli aveva soffiato il pallone. Devia Paleari in corner il destro di Ricci al 26'.

Lo Spezia va in vantaggio dopo una lunga azione terminata col cross dalla sinistra di Augello ed il piatto sotto la traversa di Galabinov. È lo 0-1. Sbaglia invece l'aggancio con il sinistro Galabinov a centro area, clamorosamente, sul perfetto assist dalla trequarti di Bartolomei (40'). Incredibile in tre contro uno, al 48', con Bidaoui che non cede il pallone ai liberissimi compagni Galabinov e Da Cruz, e calcia sul fondo. Al triplice fischio tutti sotto la curva dove sono sistemati i tifosi dello Spezia a festeggiare.

Cittadella-Spezia 0-1 (pt 0-0)

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Parodi, Frare, Adorni, Benedetti; Settembrini (14' st Siega), Iori, Proia; Schenetti (8' st Camigliano); Moncini, Diaw (35' st Panico). A disp. Maniero I, Pasa, Maniero II, Bussaglia, Cancellotti, Finotto. All. Venturato.

SPEZIA (4-3-3): Lamanna; De Col, Ligi, Crivello, Augello; Bartolomei, Ricci, Mora; Gyasi (21' st Galabinov), Okereke (29' st Da Cruz), Bidaoui. A disp. Manfredini, Barone, Brero, Pierini, Mastinu, Crimi, De Francesco, Maggiore, Erlic, Acampora. All. Marino.

Arbitro: Pillitteri di Palermo (assistenti Luciano di Lamezia Terme e Scarpa di Reggio Emilia; quarto uomo Ros di Pordenone).

Marcatore: 31' st Galabinov.

Note: spettatori 4mila circa. Espulso al 5' st Adorni (C) per doppia ammonizione. Ammoniti Frare, Settembrini, Bartolomei, Benedetti, Proia, Parodi, Ligi. Tiri in porta 0-3. Tiri fuori 5-10. In fuorigioco 0-4. Angoli 3-7. Recuperi 2' pt e 5' st.