Cosenza-Spezia
Cosenza-Spezia

Cosenza, 22 aprile 2019 – Sconfitto di misura lo Spezia a Cosenza, in una partita condizionata da un'espulsione troppo frettolosa di Mora che lascia dunque i liguri a giocare per quasi l'intera partita in inferiorità numerica. Il gol decisivo avviene nella ripresa e lo segna il capitano Dermaku, al primo sigillo stagionale.

Marino schiera una formazione aggressiva, come quella dello scorso turno, mentre mister Braglia punta sui gol di Tutino e sulla velocità della coppia Baez-Embalo.

La prima occasione è dello Spezia al 5' con Okereke che raccoglie un rinvio corto di Legittimo e di destro, manda sull'esterno della rete. Brivido per gli aquilotti con il retropassaggio avventato di Ricci in Area, intercettato da Tutino che tocca però fuori (8'). Il diagonale di Da Cruz va fuori di pochi centimetri dalla destra (9'). Un evento significativo al 13' quando con un corner dalla sinistra battuto da Embalo, a centro area Lamanna non esce e Mora tocca con le mani. L'arbitro assegna il giusto penalty, ma pure un'espulsione a dir poco severa. Dal dischetto Tutino si fa ipnotizzare da Lamanna che blocca il pallone rasoterra in due tempi sulla propria destra (15'). Si fa più aggressivo il Cosenza e al 21' tenta Palmiero dal limite con palla sopra la traversa. Da fuori ci prova anche Dermaku, ma dopo la deviazione di Capradossi, Lamanna para con due tocchi sulla sinistra (24'). Lo Spezia si fa vedere con la punizione di Bartolomei (fallo di Dermaku su Galabinov) che Perina devia in angolo (28'). Pallone sull'esterno della rete al 32', con Lamanna a controllare, sul tiro di D'Orazio da una ventina di metri. Vanno vicino al gol i calabresi con l'incursione di Tutino con l'uscita di Lamanna e Capradossi allontana con la coscia, poi D'Orazio a porta vuota la scaglia fuori (38'). Si fa vedere anche lo spezzino Bruccini che spara il suo destro che va sul fondo al 39'.

Dopo l'intervallo rientrano in campo gli stessi 22 e Bittante al 5' ci prova da una trentina di metri, ma Lamanna para sicuro. Il Cosenza passa in vantaggio al 10': sul corner di Baez, colpo di testa solitario di Embalo a centro area, palo poi si avventa Dermaku che prima tocca sul palo e poi va dentro con il pallone. È l'1-0. Bella la parata di Lamanna con palla che rimbalza davanti sul tiro di Palmerio al 17'. Poi Bruccini ancora di testa con sfera alta, sul traversone di Legittimo dalla destra (18'). Decisivo l'intervento sulla propria destra di Perina al 29' sulla punizione di Galabinov (fallo su Ricci). Poi, due minuti dopo, dall'altra parte, Embalo pesca Tutino che, a tu per tu con Lamanna, si fa respingere il tiro. E sul capovolgimento di fronte Gyasi trova in area Maggiore che chiama in causa Perina (32'). Ci mette la mano Lamanna che devia la conclusione di Bittante da 35 metri al 38'. Grande chance per Litteri che cede a Garritano e così gli aquilotti controllano con Terzi a ricevere la palla davanti alla porta (45'). Sfiora il bis Garritano, in 4 contro 2 in contropiede, con diagonale fuori (47'). E ancora Garritano al 49' con miracolo di Lamanna in uscita. Poi il triplice fischio e l'appuntamento per gli aquilotti a sabato pomeriggio al Picco dove arriverà il Perugia nella sfida playoff di giornata. Lo Spezia è ancora al settimo posto.

 

Cosenza-Spezia 1-0

PRIMO TEMPO 0-0

COSENZA (4-3-3): Perina; Bittante (42' st Garritano), Capela, Dermaku, Legittimo; Bruccini, Palmiero (36' st Sciaudone), D'Orazio; Tutino, Embalo (36' st Litteri), Baez. A disp. Quintiero, Saracco, Idda, Mungo, Schetino, Trovato, Hristov. All. Braglia.

SPEZIA (4-3-3): Lamanna; Vignali (36' st De Col), Terzi, Capradossi, Augello; Bartolomei (21' st Maggiore), Ricci, Mora; Okereke, Galabinov, Da Cruz (27' st Gyasi). A disp. Manfredini, Barone, Brero, Pierini, Crimi, De Francesco, Ligi. All. Marino.

Arbitro: Piscopo di Imperia (assistenti Mastrodonato di Molfetta e Scarpa di Reggio Emilia;

quarto uomo Cascone di Nocera Inferiore).

Marcatore: 10' st Dermaku.

Note: spettatori 7.500 circa. Espulso Mora (S) al 13' pt per comportamento non regolamentare. Ammoniti Dermaku, Terzi, Baez, D'Orazio, Ricci. Tiri in porta 9-5. Tiri fuori 8-4. In fuorigioco 0-0. Angoli 8-5. Recuperi 1' pt e 5' st.