La Spezia, 5 settembre 2018 - ''Grazie Spezia, non smetterò mai di ringraziarti. Porterò sempre nel cuore la città e i suoi tifosi che mi hanno rifatto sentire giocatore. E' stata una fortuna e un onore indossare la casacca bianca''. Così l'ex aquilotto Francesco Bolzoni, da pochi giorni al Bari, nel suo saluto alla città sportiva.

Bolzoni, un saluto ai sostenitori aquilotti.
''Li abbraccio con grande affetto, mi sono sempre stati vicini, specie all'inizio della mia avventura con le Aquile quando non stavo benissimo. Da loro ho ricevuto sostegno e incoraggiamento. Sono felice di essere entrato nei loro cuori''.

Il ricordo più bello di Spezia e quello più negativo?
''Quello più bello è la partita contro il Palermo al 'Picco' con quella coreografia incredibile della Curva Ferrovia. Di converso l'ultimo periodo non è stato facile, ma l'ho vissuto serenamente. Ci tengo a precisare che mi sono lasciato benissimo con la società, lo staff tecnico e i compagni''.

Cosa si porterà con sé di Spezia e dello Spezia?
''L'aiuto che lo Spezia Calcio e la città mi hanno dato per rientrare dopo un paio di anni veramente difficili. Forse è per questo motivo che la maglia bianca mi è entrata dentro. Questa società e i suoi tifosi mi hanno consentito di risentirmi giocatore, mi hanno permesso di riscattarmi. Non dimenticherò mai il fuoco e la passione che gli spezzini hanno in tutto quello che fanno, anche al di fuori del calcio''.

Ritornerà?
''E probabile di sì, anche perché Spezia è una splendida città di mare ed è poco lontana da casa mia. E poi c'è il 'Picco', uno stadio affascinante che in tanti mi avevano preannunciato non è da tutti poterci giocare. Spero di calcare nuovamente quel terreno di gioco prima di smettere''.











Fabio Bernardini