Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tennis, Tanganelli è bronzo mondiale in Germania

L'atleta maremmano si arrende in semifinale all'ex campione Jarryd

Ultimo aggiornamento il 26 agosto 2018 alle 12:02
Tanganelli con Jarryd
Grosseto, 26 agosto 2018 - Solamente la stanchezza, ed un avversario quasi ingiocabile, hanno spento il sogno di gloria di Angelo Tanganelli. Ma il maestro di tennis di Castiglione della Pescaia può essere lo stesso soddisfatto. Ai Campionati mondiali senior in Germania, categoria over 55, Tanganelli ha infatti vinto la medaglia di bronzo: un risultato eccezionale per il tennista maremmano che, sui campi in terra rossa di Ulm, ha comunque dimostrato tutto il suo valore. Medaglia di bronzo e semifinale conquistata, dove ha ceduto solamente a Anders Jarryd, tennista svedese, numero due del tabellone, ma soprattutto ex numero 5 del mondo, e numero uno di doppio, tra gli anni Ottanta e Novanta. Jarryd, che da tennista giocava in doppio con Stefan Edberg, è stato capace di vincere in doppio tutti gli slam, e di vincere anche il bronzo alle Olimpiadi di Seul. Tanganelli, dopo aver battuto 6-0 6-0 il tedesco Eschbach al secondo turno, ha superato anche l'argentino Madruga al terzo round. Al quarto turno ha battuto l'australiano Middleton, e nei quarti l'austriaco Pansy. In semifinale però Jarryd si è imposto 6-2 6-0. “Contro questi giocatori – ha detto Tanganelli – devi essere perfetto. Lui ha giocato benissimo, io ero un po' stanco. Un bronzo è comunque un grande risultato”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.