Un momento del match col Seravezza
Un momento del match col Seravezza
Gavorrano, 10 settembre 2018 - Il Gavorrano saluta la Coppa Italia e lo fa al termine di una partita assurda. I minerari, avanti per 3-0 all'intervallo, sono riusciri nell'impresa di farsi rimontare tre gol e di andare poi a perdere ai calci di rigore, uscendo così dalla competizione. La formazione di Battistini ha giocato un solo tempo, segnando ben tre reti nei primi quarantacinque minuti, ed incassandone altrettanti nella seconda frazione. Meriti e demeriti anche del Seravezza, che nel primo tempo di fatto non è sceso in campo, ma poi con un paio di aggiustamenti ha rimesso in carreggiata la sfida. Battistini, senza Brenci e Cela, ha dato spazio a Ferrante in difesa, spostando Pupeschi in fascia e inserendo Pardera a centrocampo. Moscati al 12' trova l'angolino basso per battere Cavagnaro, mentre dopo venti minuti Cela di destro trova la rete con una bella conclusione da fuori che non lascia scampo al protiere ospite. Gavorrano totalmente in pieno possesso del match, che al 45' segna ancora, stavolta con Gomes di testa. Il tutto senza l'opposizione del Seravezza, che ha permesso ai minerari di fare il bello e cattivo tempo. Nell'intervallo però Vangioni cambia due giocatori, scuote i suoi e rivoluziona la squadra dal punto di vista mentale. Il Gavorrano abbassa il baricentro e Ferrante di mano regala un calcio di rigore poi segnato da Rodriguez. Poco prima il Gavorrano aveva protestato per un penalty, ma l'arbitro aveva sorvolato. Gavorrano in balia degli eventi, con una difesa ballerina e gli avversari che trovano prima il gol della speranza con Bortoletti e poi il pari nel recupero con Bongiorni su due sbavature della difesa del Gavorrano. Ai calci di rigore è fatale per i maremmani l'errore di Gagliardini.