Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

A Vinitaly quaranta aziende della Doc Maremma Toscana

Da Grosseto una delegazione, con 71 diverse etichette, per raccontarsi al mondo del vino riunito a Verona

Ultimo aggiornamento il 16 aprile 2018 alle 18:55
Al Vinitaly

Grosseto, 13 aprile 2018 - Il Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana protagonista a Vinitaly per spiegare la crescita dell’ampia e variegata DOC. Dal 15 al 18 Aprile a Verona all’interno di uno stand istituzionale (Pad 9 Stand B16) saranno presenti ben 71 etichette di vini prodotti da 40 aziende della filiera che scendono in campo per far assaggiare a operatori, stampa e pubblico internazionale il meglio della DOC Maremma Toscana.

Si punterà molto sull’aspetto innovativo e sulla grande varietà che caratterizza i vini del territorio sempre più apprezzati in tutto il mondo. Una vera full immersion che vedrà protagonisti vitigni autoctoni tra i quali Sangiovese, Ciliegiolo, Alicante e Vermentino assieme a quelli internazionali, in primis Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Cabernet franc. “Verona torna a essere per la cinquantaduesima volta il fulcro attorno a cui ruota tutto il mondo del vino”, spiega il presidente del Consorzio, Edoardo Donato, e continua: “Il nostro bancone istituzionale consortile vede per questa edizione i numeri in crescita con 71 etichette di ben 40 aziende, come in continua crescita è la nostra realtà e la DOC di cui ci facciamo portabandiera. L’obiettivo è parlare, sottolineando le caratteristiche uniche del nostro terroir, agli stakeholder consolidando mercati come Stati Uniti, Germania e Inghilterra e allargando i nostri orizzonti in Europa ma anche verso nuovi confini, a partire dall’Asia sempre più strategica”. 

Un Vinitaly che punta molto sull’aspetto green e sui temi della sostenibilità e anche in questo, il Consorzio, dalla sua nascita, si distingue: grazie al piano di promozione e comunicazione messo in atto l’obiettivo è di rafforzare la consapevolezza e il rispetto verso l’ambiente che ci circonda; attenzione significa efficienza, ma anche maggiore qualità del prodotto finale e più efficace tutela del consumatore. Una sostenibilità sociale, ambientale e economica che sappia rendere omaggio a un territorio dedito con sapienza e capacità, alla coltivazione della vite e alla produzione di vino sin dal tempo degli Etruschi. La zona di produzione dei vini della DOC Maremma Toscanasi trova nella parte meridionale della Toscana e copre l’intero territorio della provincia di Grosseto, una delle più vaste d’Italia. Le dolci colline dell’interno pian piano si elevano a nord ovest verso le Colline Metallifere e a nord est verso il Monte Amiata, un vulcano ormai spento da secoli. Sulle propaggini dei Monti Volsini, a est del fiume Fiora, si trovano le colline e gli altopiani caratterizzati da suoli vulcanici e dai tipici borghi arrampicati sul tufo. La fascia costiera, con le vaste pinete e le aree di straordinaria importanza naturalistica, costituisce il completamento del variegato paesaggio della Maremma. Una terra, in alcuni tratti ancora incontaminata, tutta da scoprire ricca di storia e di cultura, racchiusa tra terra e mare.

Vinitaly sarà anche il palcoscenico di lancio della terza edizione di Maremmachevini, in scena a fine maggio, il 27 e 28, all’interno delle Casette Cinquecentesche del Cassero senese di Grosseto. L’evento, aperto a operatori e pubblico, è stato ideato dal Consorzio per raccontare, aprendo proprio le porte del suo territorio, il vinocome risorsa economica e culturale preziosa e dalle grandi potenzialità, emblema di “un’Altra Toscana”, una Toscana ancora da scoprire.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.