Sabrina Nesti presidente regionale di Confartigianato Donne Impresa
Sabrina Nesti presidente regionale di Confartigianato Donne Impresa

Grosseto, 6 ottobre 2019 -  La Toscana è la quinta regione italiana a registrare il più alto tasso di occupazione femminile, assistendo a un aumento del numero di titolari donne di imprese artigiani da 13.743 del secondo trimestre 2009 a 15.514 dello stesso periodo del 2019. Il dato emerge dal sedicesimo Osservatorio Confartigianato Donne Impresa sull'imprenditoria femminile artigiana in Italia, prodotto dall'ufficio studi dell'associazione di categoria e pubblicato a fine settembre. Il numero delle imprenditrici artigiane toscane è cresciuto nell'ultimo decennio del 12,9%, il balzo in avanti più consistente di tutto il Centro Italia. L'articolato documento pone la nostra regione a un tasso di occupazione femminile del 60,5%, dietro Provincia Autonoma di Bolzano (67,9%), Valle d'Aosta (64,1%), Emilia Romagna (62,7%) e Trento (61,7%).

Il dato toscano si piazza al di sopra della media delle regioni del Centro Italia (60,5%), mentre il valore italiano è fermo al 49,5%. La città metropolitana di Firenze, con il suo 65,3%, è la terza provincia italiana con maggior tasso di occupazione femminile, dietro a Bolzano e Bologna, entrambe sopra il 67%. In Toscana, spiega il rapporto di Confartigianato, dietro il capoluogo, nell'ordine, si piazzano Pisa (62,3%), Siena (62%), Prato (61,6%), Pistoia (59,7%), Grosseto (59,1%), Arezzo (58,1%), Livorno (55,9%), Lucca (54,7%) e Massa-Carrara (53,8%). Per quanto riguarda la dinamica del tasso di occupazione delle donne, Pistoia è la terza provincia d'Italia a crescere (+5,2 punti), mentre la flessione più accentuata a livello nazionale è stata registrata ad Arezzo (-5%).