Palazzetto per l’hockey. Il sindaco alla Regione: "Finanziamenti cancellati"

Incontro in Comune tra i vertici del Cp Grosseto e l’Amministrazione. Vivarelli Colonna: "I fondi del Governo drenati in mondo non equanime".

Grosseto non ha un palazzetto idoneo a giocare partite (di qualsiasi sport) di alto livello? La colpa è della Regione. Si è chiuso con una bella foto l’incontro in Comune tra i vertici del Circolo Pattinatori Grosseto, rappresentata dal presidente Stefano Osti e dai vice Marco Guerrieri e Giovanni Baldi e dal consigliere Bulleri e il sindaco Vivarelli Colonna e gli assessori Fabrizio Rossi, Bruno Ceccherini e Riccardo Ginanneschi. Il tema è stato la diatriba sorta in merito al mancato ottenimento del finanziamento da parte del Comune per lo svolgimento delle opere di ristrutturazione dell’impianto di via Mercurio, che si trova in deroga fino al 31 luglio 2025 per l’attività di serie A1 di hockey su pista, concessa alla società dalla Federazione. "L’impianto di hockey di via Mercurio è stato cancellato dalla Regione Toscana nell’ambito della distribuzione dei fondi del Piano di sviluppo e coesione - ha detto il sindaco Vivarelli Colonna - Sorprende che i finanziamenti messi a disposizione dal Governo Meloni, che ringrazio, siano stati drenati dalla Regione in modo non equanime. A farne le spese l’impianto dell’hockey di Grosseto, in una logica che ha visto il nostro Comune usufruire di solo due milioni di euro. Adesso stiamo lavorando - ha chiuso il sindaco - per individuare una soluzione progettuale sostenibile". "Abbiamo preso atto - ha confermato il presidente del Cp, Stefano Osti - che non sarà possibile mettere a norma l’impianto per il prossimo campionato, ultimo di A1 in deroga, ed è stato fatto presente la gravità della situazione e tutti gli ingenti sforzi ed i sacrifici finanziari compiuti finora, risorse che vengono purtroppo sottratte agli investimenti di carattere sportivo-agonistico. Il Comune di Grosseto, nella persona del sindaco, si è impegnato ad intercettare ogni risorsa possibile proveniente da Bandi, Pnrr, contributi e risorse della Regione nonché da ogni qualsivoglia provenienza che possano permettere al Circolo Pattinatori di poter continuare a svolgere regolarmente l’attività nel proprio impianto, e far continuare i tanti sportivi grossetani a frequentare la pista "Mario Parri" . Il Circolo Pattinatori Grosseto 1951 si sforzerà di continuare a svolgere la propria attività anche nella attuale condizione emergenziale, rispettando gli impegni presi con il Comune e la città, nel vivo augurio che l’impegno sia reciproco".

Matteo Alfieri