Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Santa Fiora in musica, doppio appuntamento

Il 2 agosto l'Orchestra regionale della Toscana, il 3 il Trio Bobo, progetto jazz fusion nato dagli Elio e le storie tese

Ultimo aggiornamento il 31 luglio 2018 alle 09:13
Alessio Menconi, Faso e Christian Meyer

Santa Fiora (Grosseto), 31 luglio 2018 - Per la XIX Edizione del Festival Internazionale di Santa Fiora in Musica doppio appuntamento in programma.

Il 2 agosto sarà la volta dell'Orchestra della Toscana all'Auditorium della Peschiera (inizio alle 21.15), direttore Daniele Giorgi, alla fisarmonica Ivano Battiston. La storica compagine toscana, segnata sin dai suoi esordi dalla direzione di Luciano Berio e sempre attivissima nel contesto regionale, presenterà a Santa Fiora un programma di grande interesse e sicuro appeal grazie alla collaborazione con il direttore Daniele Giorgi, spalla della Ort, e della grande fisarmonica di Ivano Battiston grazie al quale potrà fare mirate incursioni in un repertorio molto amato dal grande pubblico, come l’immenso e sempre amato Piazzolla.

Il 3 agosto, sempre alle 21,15, tocca al Trio Bobo, il progetto jazz-fusion-pop-progressive ideato e creato dai musicisti della sezione ritmica degli Elio e le storie tese nel 2004, ovvero Faso al basso e Christian Meyer alla batteria, assieme al celebre chitarrista Alessio Menconi alla chitarra, con cui l'anno seguente pubblicano l'omonimo debutto composto da pezzi "inventati nella cantinetta di Faso”, sempre per mantenere quel tono giocoso che caratterizza da sempre il loro sodalizio artistico. Musicisti di altissimo livello e grande virtuosismo, versatili ed eclettici, sono il vero motore ritmico della band milanese, ormai storia del pop più extravagante e musicalmente ricco che il nostro paese abbia sviluppato nel dopo guerra. Con collaborazioni che vanno da Mina a Rava, da Finardi ad Amii Stewards, Paolo Fresu, Gerry Mulligan, Giorgio Conte, Rossana Casale e tanti altri i singoli membri del trio sono eccellenze assolute del panorama nazionale, ma sempre senza prendersi troppo sul serio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.