Il toscano Alberto Bettiol atteso dagli sportivi toscani
Il toscano Alberto Bettiol atteso dagli sportivi toscani

Firenze, 18 maggio 2021 – Dopo il riposo di oggi riprende mercoledì il cammino la corsa rosa in una settimana attesa, di grande interesse ed emozioni e che promette spettacolo. Domani gli sterrati senesi, giovedì una frazione su e giù tra Toscana e Romagna, sabato il durissimo muro dello Zoncolan. Umbria e Toscana fanno festa e da Perugia a Montalcino se ne vedranno delle belle. La maglia rosa di Egan Bernal attende fiduciosa, gli sterrati esaltano il colombiano, terzo nelle Strade Bianche a Siena ai primi di marzo, protagonista domenica sugli sterrati a Campo Felice quando ha conquistato tappa e maglia rosa. E domani la frazione umbro-toscana è cerchiata di rosso in quanto tecnici e atleti la temono e guardano il cielo, in quanto con la pioggia (non prevista per fortuna) le difficoltà aumenteranno ancora di più. Perugia saluterà il Giro con entusiasmo come del resto fanno tutte le località interessate dalla corsa. Poco più di 30 chilometri in Umbria toccando Ellera e Magione e siamo in Toscana in provincia di Siena con Chiusi, prima località toccata. Il primo dei quattro tratti sterrati a Torrenieri dopo 93 Km, il secondo dopo Buonconvento e Bibbiano. Al Km 127,3 il passaggio da Montalcino chilometri e 300 metri, prima del terzo tratto di strade bianche a Castelnuovo dell’Abate e dell’ultimo da Bivio per Argiano a Tavernelle a 9 Km e 700 dal traguardo posto nel Viale Roma. Due i gran premi della montagna entrambi al Passo del Lume situato a meno di 4 Km da Montalcino e che i corridori affronteranno la prima volta dopo 124 Km e mezzo, e due i traguardi “Sprint” con relativi abbuoni al Km 114,9 a Castiglion del Bosco, ed al Km 136,1 a Castelnuovo dell’Abbate.

Si entra in Toscana ed allora ricordiamo i corridori toscani al Giro. Diego Ulissi (UAE Emirates), Fabio Sabatini (Cofidis), Alberto Bettiol (EF Education Nippo), e quelli di adozione ciclistica perché ormai da tanti anni nella nostra regione, Vincenzo Albanese (Eola Kometa) e Giovanni Visconti (Bardiani CSF Faizanè). La tappa di Montalcino si addice particolarmente a Bettiol che sta bene e potrebbe regalare agli sportivi toscani una bella soddisfazione.

L’atleta di Castelfiorentino ha avuto un inizio di stagione complicato, al di sotto delle attese per colpa di un problema fisico, ora scalpita dalla voglia di tornare ai livelli che gli consentirono di vincere una gara numero come il Giro delle Fiandre.
Due tappe spettacolari su strade che hanno fatto la storia del ciclismo, in una regione di riferimento per il ciclismo nazionale e che si mobiliterà nonostante si le giornate feriali, ed occorre osservare certe regole anti Covid-19 come l’uso della mascherina e il distanziamento interpersonale. Domani sarà un giorno in cui può succedere di tutto.