Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Con la Roma ottava il posto sarebbe sicuro

Cosa succede se la Roma vince la Conference League? Innanzitutto si tratterebbe di un fatto positivo per il calcio italiano, visto che è dal 2010, anno in cui l’Inter si affermò in Champions League e nella Coppa del Mondo per Club, che una compagine italiana non alza un trofeo internazionale. Da evidenziare come l’attuale astinenza ultradecennale da successi in campo continentale rappresenti un record assoluto, ovviamente, negativo per la storia del calcio italiano. E ai fini degli accessi delle squadre italiane alle prossime competizioni continentali come potrebbe influire l’eventuale successo della nella finale di Conference League?

1) La Roma vince la Conference e arriva quinta o sesta

L’eventuale contemporanea affermazione dei giallorossi nella neonata manifestazione continentale e l’arrivo dei capitolini al quinto o al sesto posto in campionato, non varierebbe le attuali modalità di accesso: la quinta e la sesta accederebbero ugualmente alla fase finale di Europa League, mentre la settima si giocherebbe l’accesso alla Conference attraverso il play off.

2) La Roma vince la Conference e arriva settima

Se la Roma, invece, dovesse terminare al settimo posto e vincere la Conference League, l’Italia schiererebbe 3 squadre alla fase finale di EL, ossia la quinta, la sesta e la Roma, che acquisirebbe il diritto di disputare l’EL da detentrice della Conference. In questo caso l’Italia non schiererebbe nessuna squadra in Conference.

3) La Roma vince la Conference e arriva oltre il settimo posto

Se la Roma dovesse vincere la Conference ed arrivare oltre il settimo posto, accederebbero alla fase finale di EL la quinta, la sesta e la Roma. In questo caso, stando al regolamento Uefa, la settima arrivata, ossia "la prima squadra piazzata in campionato dietro all’ultima qualificata in EL, a meno che non sia la vincitrice della Conference" accederebbe al play off di Conference League, facendo così salire ad 8 il numero delle italiane impegnate nelle prossime coppe europee. In pratica, in base al regolamento Uefa, l’Italia non avrebbe nessuna rappresentante in questa competizione solo nella coincidenza in cui la vincitrice della Conference stessa, ossia la Roma, dovesse arrivare settima. Altro paradosso del “calcio moderno”?

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?