Commisso con il figlio (Fotocronache Germogli)
Commisso con il figlio (Fotocronache Germogli)

Firenze, 19 settembre 2020 - E' un presidente Commisso soddisfatto quello che si presenta alle telecamere di Sky. "Quanto le è piaciuta la Fiorentina?", gli viene chiesto.

 "Io ho detto - risponde - che questa Fiorentina è più forte dell'anno passato. Dobbiamo fare meglio dell'anno passato e stare alla sinistra della classifica. Mi hanno detto tra l'altro che questa è la millesima partita al Franchi della Fiorentina".

Poi Commisso sottolinea il concetto: "Io credo che la squadra è più forte, non c'è bisogno del centravanti. Ci mancavano Pezzella e Amrabat. Devo anche dire che Sirigu ha fatto una bellissima partita, il risultato nostro poteva essere più ampio ma lui è stato molto bravo. Dei nostri mi sono piaciuti Biraghi e Milenkovic". La fama di Iachini in Italia è quella di un allenatore molto prudente, ma la Fiorentina ha talento offensivo. E' contento di Iachini? "Sì, Iachini ha la mia fiducia, quando uno fa bene dobbiamo riconoscerlo. Ha fatto un grandissimo lavoro".

Sul mercato: "Se c'è l'opportunità di prendere qualcuno lo prendiamo, ma io sono soddisfatto e vediamo cosa succede in queste due settimane. Commisso parla di "cash" che lui porta nel campionato italiano, di moneta sonante che mette e che investe. Un giorno alla volta, ma sono contento. 

Poi parla Castrovilli: "Devo ringraziare il mister perché mi fermo molto spesso ad allenarmi su situazioni specifiche e spero che questo gol sia il primo di una lunga serie". Castrovilli ha un dieci sulla maglia molto pesante: "Per me è un grandissimo onore indossare questa maglia con questo numero, lo hanno indossato giocatori che hanno fatto la storia. Io penso sempre a migliorarmi. Dedico il gol alla mia ragazza, lo aspettava da molto tempo". Che obbiettivi può avere questa Fiorentina? "Siamo forti ma pensiamo partita dopo partita".