Atalanta-Fiorentina (Ansa)
Atalanta-Fiorentina (Ansa)

Bergamo, 25 aprile 2019 - La Fiorentina cerca l'impresa a Bergamo nella semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l'Atalanta, ma dopo un avvio bruciante si perde appena subisce il pareggio. I viola ci provano, creano occasioni da gol, ma non le capitalizzano e quando, comunque, a metà della ripresa la partita è sempre aperta a qualsiasi soluzione, una sciagurata papera di Lafont su  un tiro innocuo di Gomez mette la parola fine a una serata amara per i 2mila tifosi giunti a Bergamo nella speranza di un grande risultato.

I bergamaschi, che partivano favoriti in virtù del 3-3 dell'andata, non schiacciano la Fiorentina, ma pur potendosi accontentare di un pari provano a vincere più della Fiorentina. Chiesa è come sempre generoso, ma dopo un buon avvio cala progressivamente. Muriel segna e corre tanto, ma non sempre con costrutto. Gerson e Benassi sono insufficienti, Mirallas almeno è una spina nel fianco degli avversari (ma non sempre è lucido), Veretout sbaglia molto e la difesa è spesso in affanno.

I viola, però, al 3' vanno in gol con Muriel lanciato a rete da Chiesa: al 3' il colombiano si presenta solo davanti a Gollini e non sbaglia. I viola sembrano ispirati, mentre i bergamaschi dimostrano diversi problemi in difesa. All'11' Veretout si fa 50 metri di corsa supera due avversari, poi tira addosso a Gollini mancando il raddoppio. E' un segnale negativo di una serata storta. I viola mancano il raddoppio e subiscono il pari sul rigore realizzato da Ilicic al 13' per un intervento piuttosto ingenuo di Ceccherini su Gomez. Un gol che la squadra gigliata subisce molto dal punto di vista psicologico, con Ceccherini particolarmente in difficoltà. La squadra gigliata sembra spengersi e col passare dei minuti l'Atalanta guadagna metri, con Ilicic ispirato, e i viola si affidano alle ripartenze, per lo più lanci lunghi a cercare Chiesa e Muriel. Per vincere e passare il turno, però, occorre che la Fiorentina faccia qualcosa di più nella ripresa.

Come nel primo tempo avvio sprint dei viola: al 2' Muriel serve Benassi tutto solo in area, il centrocampista si fa respingere il tiro da Gollini. Al 5' è pericoloso Gomez da fuori e Lafont devia. All'8' grande giocata di Chiesa su Gomez, poi però l'appoggio a Muriel, tutto solo, non riesce e sfuma una grande occasione. Al 15' Zapata è bravo a girarsi in area di rigore e il suo tiro è deviato in corner. Bergamaschi ancora pericolosi al 17' con Pasalic da fuori, Lafont devia. A forza di lasciare campo ai bergamaschi, i viola subiscono il raddoppio al 24': colossale errore di Lafont su tiro di Gomez e vantaggio dei nerazzurri.

Montella inserisce Simeone al 33' (un cambio forse da fare prima) al posto di Benassi. La Fiorentina attacca, ma non sembra crederci, ormai le forze non ci sono più e segnare due reti appare impresa davvero iimproba. Così, sarà l'Atalanta a sfidare in finale la Lazio che ha battuto il Milan nell'altra semifinale.

Il tabellino 

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini;  Djimsiti, Palomino, Masiello; Castagne, De Roon, Freuler (12' st Pasalic), Gosens (47' st Pessina); Ilicic (39' st Mancini), Gomez, Zapata. Allenatore: Gasperini

FIORENTINA (3-5-2) Lafont; Milenkovic, Pezzella, Ceccherini; Mirallas (42' st Edimilson Fernandes), Benassi (33' st Simeone), Veretout, Gerson (20' st Dabo), Biraghi; Chiesa, Muriel. Allenatore: Montella

Arbitro: Calvarese di Teramo

Reti: 3' pt Muriel; 13' pt Ilicic (rigore), 24' st Gomez

Note: ammoniti Ceccherini, Pezzella, Gosens, Mirallas