Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Firenze, 24 maggio 2018 -  Matrimonio d’amore, ma anche ricco di storia e suggestioni culturali per la compositrice e pianista pratese Giulia Mazzoni che da anni vive a Firenze. 
Sabato 2 giugno Giulia Mazzoni sposerà il suo compagno Federico D’Annunzio (imprenditore) in una sede davvero particolare, ma anche “obbligata” in un certo senso. Lo sposo, infatti, è il bis-nipote di Gabriele D’Annunzio e il matrimonio si terrà al “Vittoriale degli Italiani”, il complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto dal 1921, a Gardone Riviera sulle sponde bresciane del lago di Garda da Gabriele d’Annunzio con l’aiuto dell’architetto Gian Carlo Maroni.

Sarà un matrimonio particolare anche perché sarà il primo celebrato in questo spazio realizzato a memoria del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima guerra mondiale.
A celebrare queste nozze sarà Giordano Bruno Guerri, presidente della “Fondazione Il Vittoriale degli Italiani”.

Per Mazzoni sarà una dolce pausa tra una tournée e l’altra per presentare “Room 2401” (Sony Music), il suo secondo album (dopo “Giocando con i bottoni” del 2013) che sta riscuotendo successo a livello internazionale, così come internazionali sono le collaborazioni che Mazzoni ha con vari artisti, a partire da Michael Nyman. Proprio per “Room 2401”, infatti Nyman ha riarrangiato per due pianoforti ed eseguito con Giulia Mazzoni una nuova versione di un brano di una delle sue colonne sonore: “The Departure” (da “Gattaca”).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.