Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
20 giu 2022

Firenze, San Giovanni è tornato: calcio storico e 40 minuti di 'fochi'

Il programma delle celebrazioni del 24 giugno per il patrono della città

20 giu 2022
niccolo' gramigni
Spettacoli
Il 24 giugno spettacoli di luce e la finale del Calcio Storico
Il 24 giugno spettacoli di luce e la finale del Calcio Storico
Il 24 giugno spettacoli di luce e la finale del Calcio Storico
Il 24 giugno spettacoli di luce e la finale del Calcio Storico

Firenze, 20 giugno 2022 – Per dire la tradizionale frase “Eran meglio quelli dell'anno scorso” si dovrà attendere l'edizione 2023. Ma intanto Firenze si riappropria della sua tradizione, i Fochi, dopo due anni di festeggiamenti ridotti. Mezze cerimonie perché facevamo mezza vita, adesso invece si ritorna in pista. Il 24 giugno la città festeggia il patrono, San Giovanni, con un programma ricco di eventi. Il tutto grazie all'organizzazione della Società San Giovanni Battista, al contributo della Fondazione CR Firenze e alla collaborazione del Comune.

Il clou è nel tardo pomeriggio: prima la finale del Calcio Storico Fiorentino (ore 18) tra i Rossi di Santa Maria Novella e gli Azzurri di Santa Croce. Poi, alle 20.30, appuntamento sul lungarno della Zecca per i “Fochi”, quelli che tutto il mondo ci invidia. Quest'anno ci sarà il concerto della Fanfara della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Firenze. Dopo il concerto ci sarà lo spettacolo, della durata di 40 minuti, potenziato rispetto al passato: gigli, farfalle e un nuovo salice piangente dal color dorato.

Le celebrazioni dureranno tutto il giorno: si parte alle 8.30 con il corteo della deputazione con il Corteo Storico della Repubblica Fiorentina per la consegna della Croce di San Giovanni, realizzata dalla Bottega Orafa Paolo Penko, al sindaco di Firenze Dario Nardella. Alle 9.30 la sfilata con il Gonfalone di Firenze: Nardella e le autorità partiranno da Palazzo Vecchio per arrivare al Battistero.

“Siamo particolarmente lieti di poter presentare nella nostra sede, assieme al Comune, e dopo due anni di sosta forzata il programma della Festa del Patrono - ha dichiarato il presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori -. E' la prima volta che la ospitiamo, e ci tenevamo moltissimo in considerazione del determinante apporto che abbiamo sempre assicurato alla San Giovanni per la sua attività culturale e, soprattutto, per lo svolgimento dei 'Fochi'. Un sostegno che, secondo alcuni documenti, veniva attuato già negli anni Trenta; è dunque da oltre 90 anni che prosegue questa salda collaborazione prima con la Banca e poi con la nostra Fondazione. Abbiamo infatti l’obiettivo comune di far conoscere, in particolare alle nuove generazioni, la nostra storia, che non è solo quella di una grande città ma è di un luogo, di una comunità di persone, e di molteplici ingegni che sono stati fondamentali per la formazione della civiltà occidentale”.  

“È una bella emozione e un momento molto atteso, tornano i fuochi dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, torniamo finalmente a rivivere appieno la tradizione di San Giovanni, così cara alla nostra città - ha detto il vicesindaco Alessia Bettini -. Un programma in grande stile, ancora più ricco del passato, per celebrare, nel modo migliore e come merita, la giornata del nostro patrono. Un grazie alla società di San Giovanni, da sempre in prima linea per tenere vivo questo patrimonio importante di tradizioni, e a Fondazione CR Firenze, per il prezioso sostegno che va avanti da così molto tempo. La nostra città in questo periodo è piena di cultura ed eventi, è un bel segnale di ripartenza dopo la fase complessa della pandemia”.

 “Dopo due anni di assenza, a conclusione dei festeggiamenti di San Giovanni la sera del 24 giugno, quest’anno tornano I Fochi la cui organizzazione è affidata alla Società di San Giovanni Battista - ha commentato il presidente della San Giovanni Claudio Bini -. Uno spettacolo molto atteso dai fiorentini la cui realizzazione chiede un grande impegno ma soprattutto che si può realizzare grazie al contributo determinate della Fondazione CR Firenze e la collaborazione del Comune di Firenze e che quest’anno si caratterizzerà anche con un’esibizione della Fanfara Scuola Marescialli Carabinieri sul lungarno della Zecca”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?