Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Firenze, 25 giugno 2018 - Campi Bisenzio resta al centrosinistra. Confermato per un secondo mandato il sindaco Emiliano Fossi. Anche se per questo risultato c'è voluto un ballottaggio, nel quale la candidata a sindaco per il centrodestra Maria Serena Quercioli ha provato a scardinare l'egemonia del centrosinistra fin qui. Finisce 54-45 per Fossi. Che dice: "Sono felice per il popolo del centrosinistra, ha prevalso la buona politica, che non offende ma ha solo le proposte per la città e di questi tempi non è poca cosa. Adesso al lavoro come sempre e con ancora maggior entusiasmo".

"Il mio percorso finisce qui - dice Maria Serena Quercioli - non sarò all'opposizione. In molti si sono lamentati ma poi non hanno voluto cambiare lo stato delle cose qui a Campi Bisenzio". 

Poi su Facebook Quercioli si concede uno sfogo, che prende di mira gli elettori campigiani: "Ringrazio per la fiducia, soprattutto da chi mi conosce da una vita, ma a chi perde le elezioni non gli si può dire 'bravo': scusate, è una presa di giro - sostiene - . Se eri bravo non perdevi le elezioni. Per Campi avevo un progetto che non è stato apprezzato dagli elettori, ciò significa che non è  stato apprezzato e considerato il mio impegno".

"I cittadini di Campi Bisenzio - aggiunge - non hanno bisogno di me e non ha alcun senso restare in consiglio comunale. Se la città voleva un'alternanza politica, questa era l'occasione".Quercioli ringrazia i suoi 6.195 elettori mentre a chi ha scelto la continuità dice: "Chiedo, gentilmente, a tutti gli altri cittadini di Campi: dimenticate il mio nome, la mia faccia; fate conto che sono morta e sepolta in un cimitero. Campi, città dell'ipocrisia, ha finalmente il sindaco che merita: buona vita a tutti". 

"L'opposizione non può creare niente, non sarà mai la 'voce' istituzionale dei 6.195 votanti - sottolinea Quercioli -, nè potrà essere parte attiva della vita politica cittadina. Chi ha vinto governa. Punto. Ad 'ascoltare' gli elettori ci saranno comunque i consiglieri di opposizione di Lega, Forza Italia e Liberi di Cambiare con Giovanni Brandino subentra al mio posto, ai quali auguro buon lavoro".  Quercioli rende omaggio a Paolo Gandola, il coordinatore comunale degli azzurri che dopo 5 anni di opposizione aveva deciso di fare un passo indietro per favorire la sua candidatura a sindaco, poi conclude: "Tornerò alla mia professione, e coltiverò le poche vere amicizie (e loro sanno chi sono) rimaste sul territorio campigiano".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.