Firenze, 8 gennaio 2018 - Il primo "Ciak si gira!” di Pitti Uomo edizione numero 93 dedicato al rapporto moda-cinema, da domani in Fortezza, arriva da piazza Mentana, nella sede della Camera di Commercio dove alle 10 si terrà l’inaugurazione ufficiale alla quale dovrebbe partecipare il ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda. Visti gli impegni governativi il condizionale è d’obbligo ma certo nessuno come Calenda con la sua azione istituzionale sulla moda e la sua visione su tutto il settore riscuote il consenso e l’apprezzamento degli imprenditori e degli enti fieristici.

E’ STATO LUI infatti a varare, sotto il governo Renzi, il piano di sostegno alle fiere e agli eventi culturali col collega ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, piano che sta dando ottimi frutti. Per non parlare dell’ottimo lavoro per il Tavolo della Moda che ha messo daccordo tutti gli attori e le città dello stile, rinforzando come mai prima l’asse Firenze-Milano e portando avanti un discorso positivo di collaborazione. Con Calenda parleranno dello stato del fashion italiano e internazionale Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine e di Confindustria Moda, Andrea Cavicchi, presidente di Centro di Firenze per la Moda Italiana, il sindaco di Firenze Dario Nardella, il presidente della Camera di Commercio Leonardo Bassilichi, l’assessore alle Attività produttive della Regione Toscana Stefano Ciuoffo.

GIÀ OGGI i primi arrivi di stampa e buyers internazionali, mentre proseguono gli allestimenti e le prove di regia dei vari eventi, primo fra tutti il kolossal dei defilè, quello per i 200 anni di Brooks Brothers che ci sarà il 10 sera nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio (e per questo da qui è stata spostata in Camera di Commercio la conferenza di inaugurazione). Claudio Del Vecchio, che ha rilevato alcuni anni fa il marchio americano famoso per le camicie botton down, per i blazer blu e per aver vestito quaranta presidenti americani, da Lincoln a Obama, col suo staff arriva in città per consacrare Pitti Uomo come piattaforma internazionale unica e insostituibile. Una bella soddisfazione e un riconoscimento per i vertici di Pitti Immagine impegnati da anni per promuovere l’eccellenza di Firenze capitale della moda.

COSÌ PURE c’è frenesia di ospiti per i 600 invitati all’apertura del Gucci Garden al Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria, con crescente curiosità per ammirare la trasformazione in bookstore, boutique superesclusiva, ristorante stellato (piccolo) e galleria-museo ai piani superiori degli spazi reinventati dal geniale direttore creativo di Gucci Alessandro Michele. Con lui a fare gli onori di casa martedì sera ci sarà il presidente di Gucci, Marco Bizzarri, mentre pare non arrivi da Parigi il patron del Gruppo Kering (proprietario di Gucci) Francois Henri Pinault.