Fiorentina-Sampdoria, il gol del 3-3 di Pezzella (Germogli)
Fiorentina-Sampdoria, il gol del 3-3 di Pezzella (Germogli)

Firenze, 20 gennaio 2019 - Un gol all'ultimo secondo di capitan Pezzella  evita un'ingiustizia e dà alla Fiorentina un pareggio più che meritato contro la Sampdoria in una gara incredibile, molto combattutta e ricca di emozione.

Per questa gara così importante il tecnico viola Stefano Pioli lancia subito la formula del tridente con Chiesa-Simeone-Muriel. Il nuovo attaccante viola, quindi, dopo l'esordio in coppa parte dall'inizio anche alla prima gara di campionato del 2019 e risponde alla grande con due splendidi gol e una prestazione maiuscola. Gara condizionata da un arbitraggio insufficiente e, per i viola, da errori di ingenuità (l'espulsione di Edimilson Fernandes e il rigore causato da Vitor Hugo) e tecnici (Pezzella e Milenkovc sul secondo gol di Quagliarella).

Parte subito in avanti la Fiorentina contro la Sampdoria in una sfida molto delicata nella corsa a un posto in Europa League. All'8 dopo una lunga azione offensiva, Edimilson Fernandes conclude a lato da fuori area. Ancora Edimilson al 9' innesca un contropiede viola: palla allargata a Chiesa che dalla destra conclude fuori da buona posizione.

Al 12' strepitosa azione di Chiesa sulla destra, palla a Simeone a centro area: il centravanti argentino viene anticipato di un soffio. Al 18 ì il copione si ripete: Chiesa serve Simeone in profondità, l'argentino perde il tempo e si fa recuperare da Tonelli.

La partita è dura con scontri fisici piuttosto energici (non sempre contenuti dall'arbitro Di Bello). al 28' una palla persa dai viola in disimpegno porta la Samp vicina al gol: cross di Ramirez, Quagliarella colpisce male, ma l'occasione era ghiotta.

Al 34' il gol capolavoro di Muriel: prende palla a centrocampo Veretout e lancia il colombiano che si invola sulla sinistra, entra in area, semina i difensori e mette all'angolino il pallone.

Al 38', però, Edimilson (già ammonito) entra con troppa irruenza sull'avversario: secondo giallo ed espulsione. Decisione giusta, ma che che contrasta con il secondo intervento duro di Ramirez (già ammonito) che era stato graziato dall'insufficiente arbitro Di Bello in precedenza.  Al 41' goffo intervento in tuffo di Lafont che serve Jankto, ma il sampdoriano tira fuori da ottima  posizione.

Il pari blucerchiato arriva al 44' su splendida punizione di Ramirez. Il fallo, però, sembra non esserci. Nel finale, viola inferociti perché di Bello non fischia un fallo su Simeone al limite dell'area che appare evidente.

Nella  ripresa, ovviamente, Pioli deve togliere un attaccante (Simeone) per inseire un centrocampista (Dabo). Giampaolo, consapevole del fatto che Ramirez rischi il rosso, lo toglie e inserisce l'ex viola Saponara.

Pur in dieci, anche nella ripresa i viola cercano il gol e si fanno più pericolosi: al 17' i doriani si salvano in mischia.dai tentativi di Chiesa e Dabo. Al 23' bravissimo Muriel a servire Chiesa in area, ma il tiro dell'esterno viola è ribattuto.

Al 25' ancora un capolavoro di Muriel: doppio numero per eludere due avversari poco oltre la metà campo, gran volata e tiro angolato imprendibile: 2-1. Pioli toglie il colombiano e inserisce Laurini, lasciando il solo Chiesa in avanti. Una mossa che schiaccia troppo i viola indietro e che non si rivelerà azzeccata.

La Samp a questo punto preme a tuto organico e al 35' pareggia con un rigore realizzato da Quagliarella per un evidente fallo di mano di Vitor Hugo. L'esultanza proprio sotto la "Fiesole" accende un po' di polemica in più alla gara, come se ce ne fosse bisogno.

Al 40' ancora Samp in gol: Quagliarella si libera di Milenkovic e Pezzella e infila il 2-3 al 40' della ripresa. Sembra finita, ma dopo una rissa in campo per un fallaccio di Murru (Di Bello non si mostra all'altezza della situazione) arriva il  pareggio al 3' di recupero: cross di Chiesa, un difensore doriano tocca, Pezzella segna all'ultimo secondo.

Dal punto di vista dfel gioco e delle occasioni il pari sta stretto ai viola, ma per come si era messa la gara è un ottimo risultato. Molto positiva la gara di Muriel e grande cuore dei viola in dieci. 

FIORENTINA (4-3-3) Lafont, Milenkovic, Pezzella, Vitoir Hugo (40' st Mirallas), Biraghi, Gerson, Edimilson, Veretout, Chiesa, Simeone (1' st Dabo), Muriel (31' st Laurini). Allenatore: Pioli

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero, Sala, Tonelli, Andersen, Murru, Praet, Ekdal, Jankto (28' st Gabbiadini); Ramirez (1' st Saponara), Quagliarella, Caprari (24' st Defrel). Allenatore: Giampaolo

Arbitro: Di Bello di Brindisi

Reti: 34' pt Muriel; 44' pt Ramirez; 25' st Muriel; 35' st Quagliarella (rigore); 40' st Quagliarella; 48' st Pezzella

Note: ammoniti Edimilson Fernandes, Ramirez. Milenkovic, Jankto, Biraghi, Ekdal, Veretout, Murru