La Fiorentina sul palco (Fotocronache Germogli)
La Fiorentina sul palco (Fotocronache Germogli)

Moena (Trento), 10 luglio 2019 - "Saluto soprattutto i bambini, vedo che ce ne sono assai": finisce con un piccolo colpo di scena, con l'intervento dell presidente viola Rocco Commisso da New York in video chiamata (sul cellulare di Joe Barone, suo braccio destro) la serata di festa della Fiorentina a Moena, con il saluto alla città. Giornata intensa per la Fiorentina e per Joe Barone: dopo la partita con il Val di Fassa Team (21-0 per i viola nella prima partita dell'era Commisso) la serata al Viola Village con la presentazione della squadra preceduta da uno spettacolo di danza e dal saluto di due tifosi doc come Marco Masini e Paolo Vallesi.

image

Prima Barone ringrazia i tifosi "anche a nome di Rocco Commisso, che chiama 50 volte al giorno, gli servirebbe un drone su Firenze per vedere sempre tutto. Ora si sta occupando dell’organizzazione della ICC, speriamo di fare un buon torneo”. Poi Barone dice di stare cercando casa nel centro di Firenze "perché voglio stare in mezzo a voi".

image

Quindi, la videochiamata con Commisso che ripete ai tifosi: "Vi voglio bene, tra una settimana la squadra sarà qui, sarà una cosa bellissima", parlando del torneo internazionale che i viola disputeranno negli States.

image

Ai giornalisti alla fine della presentazione Barone ha detto "vogliamo sognare, non siamo qui per stare in vacanza. Chiesa? Fa parte della Fiorentina è un giocatore importante e gli vogliamo tanto bene. A Veretout ho detto di stare tranquillo. Dainelli è stata una scelta importante per dare tranquillità alla squadra e per dare esperienza e tranquillità allo spogliatoio. Batistuta? Con lui ci sentiamo, la salute di Gabriel è la cosa più importante, che lui sta bene. Ci sentiamo e vediamo quale sarà il futuro".

Applausi anche per la squadra, lo staff e per il tecnico Vincenzo Montella: "La squadra sta lavorando bene, c'è entusiasmo, ci sono tanti giovani che stanno facendo intravedere le loro potenzialità, sono ragazzi bravi in campo e fuori".