Veretout conteso da Roma e Milan
Veretout conteso da Roma e Milan

Firenze, 7 luglio 2018 - Il clima che si è creato attorno a Veretout non aiuta la Fiorentina. Dopo il primo giorno di ritiro a Moena si è capito che la permanenza del francese è ormai vista come disturbo dai tifosi viola. Aspetto che contribuisce a mettere pressione sugli uomini mercato, che però non hanno intenzione di farsi prendere la mano. Già, perché la Fiorentina è stata chiara con tutte le pretendenti del francese: circa 25 milioni cash. Difficile scendere da quella cifra, anche se, come detto, il segnale di quello che è accaduto a Moena – fischi al giocatore – potrebbe anche cambiare le carte in tavola. Come? Il Milan potrebbe utilizzare Biglia come parziale contropartita, anche se dell’argentino – ritenuto un elemento di qualità – ha un ingaggio davvero di livello e la sua carta di identità non lo favorisce (ha 33 anni) e anche i problemi di natura fisica che lo hanno frenato nella passata stagione. Il Milan insiste, la Fiorentina nicchia, Veretout aspetta soprattutto che la Roma possa alzare l’offerta da mettere sul tavolo davanti a Pradè. I giallorossi, forti dell’intesa trovata con il francese sull’ingaggio (più alto rispetto al Milan) possono provare a forzare la mano, sapendo che i viola hanno necessità di chiudere la trattativa. In un modo o in un altro.
Detto di Biglia, non è l’unico regista che potrebbe fare al caso di Montella. E’ tornato di moda il nome di Badelj, ma l’idea non accende più di tanto l’entusiasmo di Pradè che dovrebbe andare a trattare con la Lazio di un giocatore arrivato nella Capitale a scadenza con la prospettiva di doverlo ricomprare. Insomma, non sarebbe un’operazione conveniente; potrebbe diventarlo solo se fosse il tecnico a spingere in questa direzione.
Si profila, intanto, il primo nodo per il direttore sportivo viola. Dragowski è sempre conteggiatissimo dal Bournemouth. Il club della Premier avrebbe prospettato al polacco la possibilità di raddoppiare l’ingaggio e questo avrebbe fatto tentennare l’ex empolese. Gli inglesi, se dovessero avere il via libera da Drago potrebbero rompere gli indugi e bussare denari alla porta viola. La soluzione potrebbe essere quella di alzare l’ingaggio e allungare il contratto, come avrebbe suggerito l’agente del giocatore. Intanto la Fiorentina sempre dall’Empoli ha ripreso (a titolo definitivo) Pietro Terracciano, spalla ideale e poco ingombrante rispetto a Viviano.
Ieri intanto si era sparsa la voce di un interessamento della Fiorentina per Gervinho. Ma sull’ex del Parma ci sarebbe con decisione anche l’Inter.