Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Un momento della manifestazione dei lavoratori della Bekaert (Cabras/New Press Photo)

Firenze, 4 luglio 2018 - Prosegue la vertenza Bekaert  (l'azienda di Figline che ha annunciato la chiusura mandando le lettere di licenziamento ai dipendenti), la lotta di lavoratori e sindacati per scongiurare la perdita di 318 posti di lavoro.  Per oggi, 4 luglio, Fim, Fiom e Uilm hanno proclamato quattro ore di sciopero, le ultime di ogni turno, dei metalmeccanici di tutta la zona fiorentina.

Nell'incontro nella sede di Confindustria Toscana c'è stato il primo faccia a faccia tra sindacati e azienda, dopo l'annuncio  dei licenziamenti. Un incontro che lascia qualche spiraglio positivo, come sottolinea il segretario Fiom di Firenze, Daniele Calosi: "Due le questioni su cui registriamo piccole vittorie da parte dei lavoratori: la prima riguarda la possibile reindustrializzazione dello stabilimento, anche se non a competitor, quindi si tratterà di una riconversione; la seconda riguarda i tempi di allungamento della procedura. Il tempo è strategico ed è necessaria una trattativa senza pistola alla testa. Puntiamo all'attivazione degli ammortizzatori sociali per non lasciare in mezzo di strada 318 famiglie e, per questo, l'incontro al Ministero dello Sviluppo Economico sarà fondamentale nella gestione e nelle modalità della trattativa”.

In una nota, l'azienda sottolinea "l'intenzione di avviare al più presto un dialogo costruttivo teso ad attenuare l'impatto sociale per i 318 dipendenti» dello stabilimento di Figline Valdarno per i quali ha attivato le procedure di licenziamento a seguito della decisione di chiudere la fabbrica «e collaborerà a possibili soluzioni di reindustrializzazione che potrebbero delinearsi".

Nel pomeriggio si è svolta a Firenze, in piazza della Repubblica, una manifestazione per chiedere all'azienda di ritirare le 318 procedure di licenziamento e aprire un tavolo sul futuro dello stabilimento che produce mini-cavi d'acciaio per pneumatici.

Giovedì 5 luglio a Roma è previsto un incontro al ministero dello sviluppo economico.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.