Firenze, 2  giugno 2020 _ Un'apertura col botto, con la fila dei visitatori fin dall'apertura per rivedere lui, il David di Michelangelo, e non solo. E' stata una Festa della Repubblica all'insegna della cultura, con la  riapertura _ tra i tanti musei della città _, anche della Galleria dell'Accademia. A salutare il ritorno del pubblico, la direttrice Cecilie Hollberg e il sindaco Dario Nardella. Il museo riapre con una diminuzione del prezzo del biglietto, che passa da 12 a 8 euro, e all'interno dello spazio museale possono accedere al  massimo 50 visitatori per volta che dovranno seguire un percorso in sicurezza, a senso unico. Tra le novità l'app 'The right distance' che rende lo smartphone del visitatore uno strumento per la sicurezza, poiché lo avverte, vibrando, quando la distanza dalle altre persone scende sotto la soglia di sicurezza. 
«Abbiamo dovuto 'ibernarè il museo per questi mesi e sono contenta di poter ridare oggi agli italiani, nel giorno della festa della Repubblica, l'accesso al patrimonio dei beni culturali - ha detto Hollberg -. Accogliamo calorosamente i visitatori e da domani potremo accoglierli anche da tutto il mondo. Abbiamo lavorato per poter riaprire nella massima sicurezza per i visitatori e per il personale. Tre giorni fa abbiamo acceso il nuovo impianto di areazione. Il percorso di visita è monodirezionale e abbiamo dovuto chiudere gli spazi troppo angusti come la sala degli strumenti musicali e l'accesso al primo piano», mentre restano visitabili le altre opere e collezioni presenti nel museo a parte dal David di Michelangelo.

"Credo che Firenze stia dando il meglio di sé  in questo momento di rinascita e di ripartenza. Ringrazio i fiorentini, la mia città, perché so quanto stiamo soffrendo e so quanto sia difficile, molto più difficile di tanti altri momenti ripartire con una situazione come questa", ha aggiunto il sindaco Nardella.