Don Emanuele Dondoli (Fotocronache Germogli)
Don Emanuele Dondoli (Fotocronache Germogli)

Pietramala (Firenze),  24 agosto 2019  - L'arcivescovo di Firenze cardinale Giuseppe Betori ha disposto "con decreto di interrompere temporaneamente dall'esercizio dell'ufficio di parroco don Emanuele Dondoli nelle parrocchie di San Lorenzo a Pietramala e San Michele a Montalbano" in Mugello, "accogliendo la richiesta avanzata dallo stesso don Dondoli", "per assicurare serenità alla comunità parrocchiale e allo stesso sacerdote mentre dovrà provvedere a preparare la propria difesa".

Lo fa sapere la diocesi di Firenze riguardo alla vicenda del sacerdote del Mugello indagato per presunta violenza sessuale a una 19enne.

L'arcivescovo Betori ha anche disposto "la nomina di don Giorgio Badiali, Vicario foraneo del Vicariato di Firenzuola, come amministratore parrocchiale, e in attesa della presa dell'incarico altri sacerdoti assicureranno la celebrazione della messa"

Don Dondoli aveva deciso di  autosospendersi. Ieri aveva preparato una lettera indirizzata ai parrocchiani dove spiegava che la scelta è dettata dalla necessità di tutelare la propria comunità. E aveva aggiunto che si prenderà questo tempo anche per raccogliere le energie necessarie "a difendersi da accuse gravi e infondate" per le quali si dice "speranzoso in una pronta soluzione".