Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

Via di Carcheri, niente riapertura Slittano i tempi, cresce la protesta

Sopralluogo con amministratori e tecnici per illustrare l’ultimo stralcio dei lavori, che però termineranno in ritardo

lisa ciardi
Cronaca
Un momento dell’incontro con i residenti. che non hanno gradito la notizia
Un momento dell’incontro con i residenti. che non hanno gradito la notizia
Un momento dell’incontro con i residenti. che non hanno gradito la notizia

di Lisa Ciardi

L’apertura di via di Carcheri slitta ancora. Dopo un anno e quattro mesi di blocco completo della strada e nonostante l’annuncio dei via ai lavori, il mese scorso, arriva un’altra brutta notizia per i residenti della zona. La novità è emersa durante il sopralluogo organizzato sul posto con il responsabile del progetto per la Città Metropolitana, l’architetto Riccardo Maurri, e l’azienda esecutrice. Presenti, oltre ai cittadini della zona, il sindaco di Lastra a Signa, Angela Bagni, e l’assessore ai lavori pubblici Emanuele Caporaso. Obiettivo dell’incontro era appunto illustrare ai residenti gli aggiornamenti sull’ultimo stralcio di interventi per il ripristino della frana in via di Carcheri. E, purtroppo, le notizie non sono state rassicuranti.

"La Città Metropolitana e la ditta che sta curando il cantiere hanno spiegato che occorre prima di tutto demolire completamente un tratto del muro presente a sostegno della scarpata della Fi-Pi-Li – spiega l’assessore Caporaso – per poi effettuare una serie di saggi sulla stabilità del terreno. Solo a quel punto potrà iniziare il vero e proprio ripristino della strada". Si sa già però che questa si allungherà rispetto a quanto detto ad aprile. Il tempo per riaprire al transito era stato stimato in 70 giorni dalla consegna dei lavori, con la speranza di far transitare i mezzi entro metà giugno. Altri 70 giorni erano poi stati ipotizzati per completare l’intervento, senza però incidere sul transito dei veicoli. In base alla nuova tempistica, al contrario, fino a metà giugno si lavorerà per la messa in sicurezza preliminare. Sempre a metà giugno verrà ridefinita la tempistica, che ora è difficile da stimare. I disagi, nella zona, hanno avuto inizio nel gennaio 2021, quando uno dei muri di sostegno della scarpata della Fi-Pi-Li è caduto proprio su via di Carcheri. Dopo mesi di lavori, rallentamenti e disagi, la Fi-Pi-Li è stata poi ripristinata ed è rimasta da sistemare solo via Carcheri. Una strada piccola che ha però un ruolo strategico per gli abitanti delle colline, che la utilizzano per raggiungere il capoluogo di Lastra a Signa e di Scandicci.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?