Addette ai vaccini in una struttura Asl della Toscana
Addette ai vaccini in una struttura Asl della Toscana

Firenze, 27 novembre 2021 - Un vaccino a Natale o a Capodanno. Perché no? Sul punto il presidente Giani non fa una piega: gli addetti alla vaccinazione per le festività in Toscana, anche nei giorni di Natale e Capodanno, «c'erano l'anno scorso e ci saranno anche quest'anno».

«Ormai è da due giorni che superiamo le 23.000 vaccinazioni al giorno: la Toscana si sta caratterizzando come una regione guida», ha proseguito Giani, osservando che «siamo i primi come ampliamento della vaccinazione, dato che siamo ormai arrivati all'83,1% della popolazione vaccinata, ben oltre il 90% dei vaccinandi se si tolgono i bambini da 0 a 12”. E ancora: “Dobbiamo prepararci alla sfida della vaccinazione dei bambini da 5 a 12 anni. Da qui alla fine del mese il via al vaccino per i bambini potrà essere ufficiale; proprio per questo abbiamo deciso di riaprire i grandi hub».

Secondo il governatore, «i risultati si vedono, perché ad esempio oggi siamo a 477 contagi, che è meno dei 488 di ieri, e meno dei 610 dell'altro ieri; quindi il virus, anche se ancora è in una progressione di aumento in tutta Italia, aumenta in un modo tale da farci vedere una capacità, attraverso le vaccinazioni, di tenerlo sotto controllo».