Frecciarossa
Frecciarossa

Firenze, 7 settembre 2018 - Guasto alla linea Firenze-Roma dell’alta velocità ferroviaria, 600 passeggeri bloccati per ore tra Settebagni e Orte. L’episodio si è verificato nel pomeriggio di venerdì 7 settembre intorno alle 15. Per un black out improvviso la linea in direzione nord ha smesso di funzionare. Sui binari è rimasto un Frecciarossa 1000 da poco partito da Roma Termini. A bordo tra i passeggeri anche il presidente della Toscana, Enrico Rossi e una delegazione di sindaci che tornavano dalla capitale dopo aver partecipato alla conferenza dei servizi sul nuovo aeroporto di Firenze. Il treno è rimasto bloccato per ore sui binari, sigillato, senza climatizzazione e non sono mancate le proteste dei passeggeri. Per risolvere l’incoveniente si è cercato di trainare il convoglio con un locomotore diesel, ma non aveva abbastanza potenza per farlo.

Verso le 20,30 Trenitalia ha fatto arrivare un nuovo treno sul binario accanto a quello fermo. I passeggeri sono stati trasferiti da un convoglio all’altro utilizzando delle passerelle in modo da non farli scendere sulla massicciata.

In una nota, «Trenitalia comunica ai propri clienti del treno 9540, con i quali si scusa per il disagio subito oggi in seguito a un'importante anormalità alla linea di alimentazione elettrica dei treni fra Settebagni e Capena (alle porte di Roma), che sarà integralmente rimborsato il biglietto e sarà emesso un bonus del valore pari a quello del viaggio odierno». 

IL COMMENTO DI ROSSI - "Mi chiedo se l'Autorità dei trasporti possa aprire un'indagine per capire quello che è successo e anche per garantire i lavoratori. Ci hanno trasbordato su un altro treno e lascio immaginare i commenti degli italiani ma anche degli stranieri... Bisogna fare meglio e credo si debba imparare dagli errori. Un guasto può accadere ma mi è sembrato che ci sia stato un eccesso di improvvisazione".

Intanto il traffico ferroviario risulta ancora rallentato sulla linea Direttissima Roma-Firenze. I treni in viaggio registrano ritardi medi di 120 minuti con punte massime fino a 180 minuti. Lo comunica Trenitalia. I tabelloni alla Stazione Termini tuttavia segnano anche ritardi superiori e i passeggeri di diversi treni lamentano ritardi anche di 200 minuti. Sulla linea FL1, Orte-Fiumicino Aeroporto, la circolazione è rallentata, con ritardi fino a 30 minuti e riprogrammazione del servizio ferroviario.