Digitando ‘Firenze’ nella sezione ‘Lavoro’ di LinkedIn vengono fuori oltre 2mila annunci. Una manna per chi oggi è in cerca di occupazione. Un po’ paradossale visto che la piattaforma social che proprio si occupa di ricerca di lavoro ha annunciato l’intenzione di voler ridurre l’organico. Ma è comunque certo che LinkedIn resta uno degli strumenti web più importanti ed efficaci per chi vuole trovare un posto o vuole migliorare la sua posizione professionale. Bisogna saperlo usare bene, però. Sulla piattaforma Trio (www.trio.it) è presente un webinar, completamente gratuito, che...

Digitando ‘Firenze’ nella sezione ‘Lavoro’ di LinkedIn vengono fuori oltre 2mila annunci. Una manna per chi oggi è in cerca di occupazione. Un po’ paradossale visto che la piattaforma social che proprio si occupa di ricerca di lavoro ha annunciato l’intenzione di voler ridurre l’organico. Ma è comunque certo che LinkedIn resta uno degli strumenti web più importanti ed efficaci per chi vuole trovare un posto o vuole migliorare la sua posizione professionale. Bisogna saperlo usare bene, però. Sulla piattaforma Trio (www.trio.it) è presente un webinar, completamente gratuito, che offre consigli su come costruire il proprio ‘personal branding’, ovvero come riuscire a promuovere se stessi su LinkedIn. Altri suggerimenti arrivano dall’agenzia del lavoro GiGroup, che sul suo sito gigroup.it, ha stilato un vero e proprio decalogo per avere un profilo efficace e corretto per ottenere la giusta visibilità online.

Eccolo. Punto 1. Non fare il copia e incolla del tuo curriculum cartaceo: racconta chi sei, le tue esperienze, le tue capacità e le tue passioni, proprio come faresti con qualcuno che hai appena conosciuto di persona. 2. Mettici la faccia: è molto più facile ricordarsi di una persona associandola a un volto, scegli una tua foto professionale e sorridente. 3. Scrivi una tagline personale (e reale!): la tagline, ovvero la riga di testo sotto il tuo nome, è la prima cosa che le persone vedono nel tuo profilo poiché viene visualizzata ovunque su LinkedIn insieme a nome e foto, dunque inserisci il tuo titolo lavorativo oppure una parola chiave importante per il tuo settore, evita titoli vaghi o inventati. 4. Fai marketing di te stesso, cattura l’attenzione: sii autentico e coerente, negli spazi di riepilogo prediligi parole chiave utili per le ricerche fatte da parte degli utenti di LinkedIn e del web. 5. Fatti sentire, mantenendo attivo il profilo: condividere, commentare, consigliare e scrivere su temi specifici vicini alla tua professione dimostra interesse e competenza 6. Competenze e conferme: solo quelle che servono. Un elenco lunghissimo di competenze rischia di essere controproducente, meglio selezionare con cura quelle utili che possono rappresentare in modo semplice e sintetico il tuo brand professionale.

7. Chiedi le segnalazioni ai tuoi capi e colleghi: può essere utile a aggiungere valore al tuo profilo. 8. Espandi la tua rete: collegati con persone, aziende o gruppi, identifica gli influencer e i gruppi del settore di tuo interesse per poter essere sempre aggiornato sulle tematiche, poter prendere parte alle discussioni e allargare le tue conoscenze 9. Personalizza la tua url: invece di lasciare l’indirizzo con decine di numeri e caratteri, trasformalo in qualcosa di più semplice come www.linkedin.cominnomecognome. 10. Mostra il tuo lato buono e i progetti a cui hai preso parte: condividi le tue esperienze di volontariato, le cause che hai sostenuto o stai sostenendo.

mo.pi.