Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Firenze, nuova vita per l'ex stabilimento: diventa polo della moda / FOTO

L'area Seves viene riconvertita: arriva Leo France

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 18:47
Lo stabilimento ex Seves (New Press Photo)

Firenze, 12 settembre 2018 - Dopo anni di abbandono, l'ex stabilimento fiorentino della Seves, dove si producevano mattoni di vetro, rinascerà come polo produttivo di Leo France, impresa fiorentina della moda di proprietà della famiglia Pinzauti. Il via alla grande operazione è stato dato oggi, con una festa nell'area della Seves, alla periferia nord del capoluogo toscano, alla quale ha preso parte, oltre agli addetti di Leo France e ai componenti della famiglia Pinzauti, anche il sindaco Dario Nardella.

Spazi e strutture di Seves erano in disuso dall'estate del 2014, quando, terminati gli ammortizzatori sociali per i 97 lavoratori rimasti in fabbrica, lo stabilimento chiuse definitivamente i battenti. Era la fine di una lunga crisi, iniziata nel 2006, che aveva portato progressivamente l'organico di oltre 170 dipendenti a scendere sotto la soglia del centinaio.

Adesso il piano di Leo France è il totale trasferimento del proprio centro di produzione negli spazi dello stabilimento dismesso, con relativa riconversione: un «percorso a tappe - ha spiegato il patron Lorenzo Pinzauti - con la previsione di un trasferimento totale dei 350 addetti del polo produttivo nel giro di 5-6 anni, con investimenti, anch'essi da effettuare un pò alla volta, per una somma che potrebbe oscillare tra i 20 e i 30 milioni».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.