Santa Croce
Santa Croce

Firenze, 28 maggio 2020 - L'Opera di Santa Croce a Firenze, dopo aver già riaperto la basilica per la celebrazione delle messe, torna ad accogliere di nuovo dopo il lockdown per il coronavirus anche i visitatori delle diverse identità della basilica, luogo unico dove si intrecciano, tra arte e architettura, la spiritualità francescana e le storie dei Grandi italiani. I visitatori potranno entrare gratis ogni fine settimana fino al 24 giugno, festa del patrono di Firenze, San Giovanni. Si comincia da sabato 30 maggio. «Dopo il lockdown - annuncia Irene Sanesi, presidente dell'Opera di Santa Croce - abbiamo deciso di inaugurare un rapporto diverso e più intenso coi visitatori che nei week end, per buona parte del mese di giugno, saranno accolti gratuitamente e potranno essere protagonisti di una approfondita esperienza di scoperta della basilica e della sua storia millenaria anche grazie all'utilizzo della nuova App». Visite previste anche martedì 2 giugno, Festa della Repubblica. «Santa Croce rappresenta un bene comune e un patrimonio culturale che fa parte dell'identità collettiva del Paese per questo può dare un contributo importante per fare uscire Firenze dalla pesante crisi di questa fase storica», sottolinea Stefano Filipponi, segretario generale dell'Opera di Santa Croce. Nella basilica potranno entrare contemporaneamente fino a 150 persone e non sono ancora consentite le visite di gruppo. Fondamentale prenotare la visita utilizzando il sito dell'Opera di Santa Croce (www.santacroceopera.it) nella sezione prenota on line (il servizio è attivo dalle 14 di domani, venerdì 29 maggio). Inoltre i visitatori saranno pure virtualmente presi per mano e accompagnati dalla nuova App ufficiale Santa Croce realizzata dall'azienda fiorentina D'Uva e strumento utile, semplice e intuitivo che mette a portata di mano tutte le informazioni per la visita.