Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
27 mag 2022

Rashed, dall’incubo al lieto fine Assunto da un’azienda della Piana

27 mag 2022
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro
Rashed Abdul, operaio di 26 anni, ora ha un lavoro stabile e sicuro

di Barbara Berti

FIRENZE

E’ a lieto fine la storia di Rashed Abdul, operaio di 26 anni, originario del Bangladesh, che aveva denunciato pubblicamente la sua condizione di sfruttamento in una pelletteria di Campi Bisenzio, la "Blc srl" di via Nenni. Lo scorso 20 maggio, quando si è tenuto un presidio davanti all’azienda, Rashed aveva annunciato di licenziarsi per giusta causa visto che per anni era stato costretto a lavorare più ore del dovuto, senza ferie, né festività, con una paga concordata inferiore a quella contrattuale.

Nel momento in cui ha detto basta allo sfruttamento, il titolare dell’azienda lo aveva anche cacciato di casa dove lo faceva abitare, con altri lavoratori, in cessione di fabbricato. In pochi giorni, grazie al supporto del sindacato, la Cgil, Rashed è stato ricollocato in un’altra pelletteria, una grande azienda della Piana fiorentina, che gli ha offerto un regolare contratto a tempo indeterminato.

"Ringraziamo questa azienda, che preferisce restare anonima" commenta Alessandro Picchioni di Filctem Cgil. Rashed ha risolto anche il suo problema abitativo: ora vive con un connazionale, in una soluzione trovata grazie all’aiuto di associazioni impegnate nell’integrazione. La Filctem Cgil sta fornendo a Rashed anche assistenza legale: si pensa a un ricorso per sfruttamento lavorativo contro la pelletteria da cui è venuto via. "Questa vicenda insegna che occorre un modello che faccia emergere le denunce sulle condizioni di lavoro, nell’interesse dei lavoratori, delle aziende in regola e dell’intero sistema moda" sostiene Picchioni.

Per quanto riguarda la pelletteria campigiana, la Filctem Cgil continua a monitorare la situazione.

"Dopo la nostra richiesta c’è stato il sopralluogo dell’ispettorato del lavoro e adesso aspettiamo di conoscerne l’esito - prosegue Picchioni - Al momento, dalle notizie che ci giungono da altri dipendenti della pelletteria, gli operai stanno lavorando otto ore al giorno, come previsto dal contratto".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?