Firenze, 26 ottobre 2020 -«Immediata sospensione dal servizio dei vigili implicati» nella vicenda della donna fermata senza mascherina mentre passeggiava col cane in piazza della Repubblica a Firenze. È la richiesta, anticipata dai legali della donna, avvocati Edoardo Polacco e Guglielmo Mosutto, che definiscono «cruento» l'intervento della polizia municipale e annunciano l'intenzione di chiedere alla procura di Firenze l'acquisizione di tutti i filmati e di voler querelare i vigili per maltrattamento di animali, in relazione alla fase del fermo nella quale il cane è stato separato dalla sua padrona.

Secondo la ricostruzione effettuata dai legali in un loro comunicato, la donna, «una casalinga fiorentina completamente incensurata», è stata «circondata da un nugolo di vigili urbani, poi lungamente immobilizzata per un braccio, spinta contro una macchina e ammanettata». Le immagini riprese coi cellulari dai cittadini, proseguono i legali, «hanno certificato il comportamento sempre civile della signora, nonostante il gravissimo shock subito dalla stessa e ancor più dal suo cane, fortemente impaurito dall'operazione» e che «le è stato strappato dalle mani al momento dell'ammanettamento». Al termine dell'intervento la donna, portata in caserma per essere identificata, è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e rifiuto di fornire le proprie generalità. La vicenda ha preso campo sui social network.