Una prostituta
Una prostituta

Firenze, 16 settembre 2017 - Nella lotta di  Palazzo Vecchio contro lo sfruttamento della prostituzione è arrivata la prima denuncia: si tratta di un uomo, italiano, che è stato sorpreso in via Campani, zona Nuovo Pignone. L’uomo, dopo aver offerto denaro a una donna albanese in cambio di prestazioni sessuali, si era appartato con lei a bordo della propria auto. E’ quindi scattata la denuncia sulla base dell’articolo 650 del codice penale per violazione di una ordinanza delle autorità.
La polizia municipale ha effettuati i primi controlli previsti dalla nuova ordinanza nella serata e nella nottata tra venerdì 15 e sabato 16 settembre in tutta la città. I controlli continueranno nei prossimi giorni.

 

 

I pattugliamenti degli agenti della polizia municipale avverranno in borghese e in divisa, dalle undici di sera in poi, specialmente nelle zone dove si concentra il mercato del sesso. Coloro che saranno sorpresi anche solo a contattare una prestazione potranno essere denunciati in quanto trasgressori dell’ordinanza di un’autorità. E come tali, soggetti all’avvio di un procedimento penale che può prevedere l’arresto fino a tre mesi. Fra i primi a plaudire al giro di vite anti sfruttamento sono i residenti delle zone più frequentate dalla prostituzione: via di Novoli, viale Guidoni, viale Redi, Bellariva. E insieme a loro le associazioni di volontariato che operano per il sostegno a tante giovani vittime della “tratta delle donne”.