Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
13 giu 2022

Mostro di Firenze, una Beretta "fantasma" dal 1975

La calibro 22 ritrovata in un casale in Maremma non era stata registrata dal suo proprietario. Il giallo della canna lunga tenuta a Firenze

13 giu 2022
La Beretta modello 48
La piazzola degli Scopeti dove il mostro uccise due ragazzi francesi nel 1985
La Beretta modello 48
La piazzola degli Scopeti dove il mostro uccise due ragazzi francesi nel 1985

Firenze, 14 giugno 2022 - La Beretta modello 48, numero di matricola 001101N, appartenuta a un capitano medico dell’esercito, è attualmente in custodia presso i carabinieri di Manciano. Ed è qui che la polizia andrà a ritirarla per poi consegnarla alla scientifica: saranno gli esperti a compiere gli accertamenti necessari a stabilire se l’arma è quella, mai ritrovata, del mostro di Firenze. Secondo la consulenza firmata dal perito Paride Minervini, che ha esaminato tutti i bossoli e relativi proiettili recuperati sulle scene degli otto duplici omicidi del serial killer, il “48“ è, al pari della “serie 70“, uno dei modelli compatibili con i segni dei reperti da lui studiati al microscopio. La produzione della Beretta rinvenuta in un casale della Maremma, è antecedente all’inizio degli omicidi: la calibro 22 del mostro, inizia a sparare nell’agosto del 1968, e proseguirà fino al 1985. Forse la misteriosa pistola è passata di mano, forse no: l’unica certezza, in un’inchiesta dove le certezze sono poche, è che l’arma usata è stata sempre la stessa. La Beretta si trovava da qualche mese in deposito presso la caserma dei carabinieri di Manciano: il suo ritrovamento, assieme ad altri armi, è infatti avvenuto tempo addietro, prima che spuntasse fuori, in un appartamento di Firenze dove ha vissuto il capitano medico dell’esercito, la “sua“ canna lunga e venisse fatto il collegamento. E senza l’intuizione di un investigatore che ha a lungo indagato sui delitti, il commissario Giannini, la pistola sarebbe stata presto consegnata alla direzione d’artiglieria per la demolizione. La calibro 22 di Manciano non risulta mai essere stata messa in comparazione con i delitti. Perché non risultava neanche la sua detenzione presso il casale. Le sue ultime tracce ’’ufficiali’’ risalgono al 3 gennaio del 1975: nei registri, vi è traccia del trasferimento dalla questura di Siena (competente su ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?