Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ucciso nell'inseguimento tra rom, la Regione sosterrà la famiglia anche economicamente

Firenze, deciso uno stanziamento biennale per Duccio Dini. Documento bipartisan dei consiglieri

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 18:11

Firenze, 12 settembre 2018 - Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato una mozione che attribuisce un contributo regionale di solidarietà di 20mila euro all'anno per due anni alla famiglia di Duccio Dini, il giovane che ha perso la vita nel giugno scorso travolto da due auto guidate da rom che si rincorrevano mentre si trovava sul suo motorino. "L'approvazione ci vede soddisfatti perché da parte della Regione si trattava di un atto istituzionale doveroso.

Come Forza Italia noi siamo sempre dalla parte delle vittime". Lo afferma il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, primo firmatario della mozione che reca le firme anche dei consiglieri regionali Marco Stella (Fi), Paolo Marcheschi (Fdi) e Leonardo Marras (Pd). "Oltretutto - sottolinea Marchetti - l'atto approvato va oltre, grazie a un emendamento che biennalizza il contributo straordinario di 20mila euro, somma che verrà dunque assicurata alla famiglia Dini sia per quest'anno che per il 2019".

Oltre a ciò, la mozione impegna la Giunta regionale anche su altre azioni. Innanzitutto l'elaborazione di "una disciplina regionale organica per casi simili", e poi la costituzione come "parte civile nel processo contro i responsabili dell'inseguimento avvenuto in via Canova a Firenze e finito tragicamente con la morte di Duccio Dini". Il giovane fu travolto in via Canova da un'auto durante un inseguimento tra rom che provenivano dal campo del Poderaccio. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.