Figline Valdarno (Firenze), 29 giugno 2018 - Cittadini, lavoratori, amministratori pubblici: circa 5mila persone ha dato vita a un corteo a Figline Valdarno dietro allo striscione della Rsu della Bekaert, l'azienda di proprietà della multinazionale belga che una settimana fa ha inviato 318 lettere di licenziamento e annunciato la chiusura della fabbrica entro 75 giorni.

Dietro agli operai e alle loro famiglie il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, il sindaco di Figline Giulia Mugnai e con lei una trentina di sindaci del Valdarno fiorentino e aretino e della Città metropolitana, tutti con la fascia oltre ad alcuni deputati.

L'amministrazione comunale aveva invitato anche la presidenza del Consiglio dei ministri e, in particolare, il ministro per lo Sviluppo economico Luigi Di Maio, ma al momento non risultano presenti nel corteo. Ci sono invece i responsabili dei sindacati, in particolare di Fiom e Uilm e la segretaria regionale della Cgil Toscana Dalida Angelini. Quando il corteo arriverà in piazza Marsilio Ficino, dal palco sono previsti gli interventi delle istituzioni e soprattutto quelli dei lavoratori della Bekaert.