Firenze, 27 settembre 2010 - Prosegue la conta dei danni, dopo l’ondata di maltempo che ha colpito ieri pomeriggio la nostra regione, flagellata da venti forti e da grandine. La zona più colpita è stata quella del comune di Vaglia, in particolare la frazione di Bivigliano. Questa mattina il sindaco, Leonardo Borchi, con un post su Facebook traccia un bilancio provvisorio, informando che a causa "dell'eccezionale grandinata" si registrano "8 feriti, di cui 3 hanno fatto ricorso al pronto soccorso; 110 segnalazioni tra Comune e vigili del fuoco per danneggiamenti di tetti, soprattutto a Bivigliano; 10 persone sfollate; circa 100 veicoli danneggiati fuori uso su tutto il territorio comunale". Anche nel capoluogo sono stati numerosi gli interventi dei vigili del fuoco per rimuovere alberi caduti e rami. Volati via banchi e gazebo del fierone in programma a Campo di Marte.

Maltempo a Bivigliano

Le zone più colpite sono state, ricordiamolo, quelle delle province di Massa Carrara, Pisa, Firenze, Pistoia e Arezzo. 25 le squadre di vigili del fuoco all’opera.

Le previsioni per i prossimi giorni non sono incoraggianti. Questa settimana, sono previsti l’ingresso autunnale di bora e maestrale, uniti ad un crollo delle temperatura e all’arrivo di nuovi temporali. Insomma, addio t-shirt.

Nei prossimi giorni, un campo di alta pressione in arrivo da ovest favorirà l'ingresso di aria fresca che accompagnerà una perturbazione temporalesca e provocherà un deciso calo termico. Antonio Sano', direttore e fondatore del sito 'www.iLMeteo.it', fa sapere che la settimana inizia all’insegna di nebbie al nord e precipitazioni sull'estremo Triveneto, sul centrosud adriatico e sul Lazio settentrionale, eredità del fronte perturbato di domenica 26.