Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 giu 2022

Malore dopo il tuffo E’ morto il 17enne

Ieri il decesso a Careggi, dove era arrivato mercoledi in condizioni disperate. La procura apre un fascicolo per omicidio colposo: disposta l’autopsia

17 giu 2022
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in ospedale dove poi è deceduto

FIRENZE

Non ce l’ha fatta il 17enne nato in Marocco, in Italia ospite di una cooperativa sociale, estratto senza conoscenza, l’altro ieri, dal fondo della vasca della piscina Costoli. Dopo 24 ore in cui ha lottato per restare aggrappato alla vita, all’ospedale di Careggi, è stato dichiarato il decesso ieri pomeriggio.

Il pm di turno Christine Von Borries, disporrà l’autopsia. E’ stato aperto un fascicolo, senza indagati, con l’ipotesi di omicidio colposo. Gli accertamenti serviranno a stabilire se la macchina dei soccorsi ha funzionato, indipendentemente dal triste esito della vicenda. Per questo motivo, la polizia, su delega del magistrato, sta procedendo ad ascoltare i presenti. L’obiettivo, in attesa anche dei riscontri autoptici, è capire se è successo qualcosa prima che il giovane sparisse sul fondo della vasca olimpionica, e quanto tempo i bagnini hanno impiegato ad attivarsi.

Una volta tirato fuori dall’acqua, il giovane è stato soccorso anche da personale infermieristico in servizio alla piscina comunale, prima che un’ambulanza del 118 lo trasportasse al pronto soccorso. Il 17enne ha perso sangue dal naso e dalla bocca. Nel tragitto verso Careggi avrebbe avuto un ulteriore peggioramento. Le sue condizioni sono state sempre disperate, nonostante le manovre di rianimazione prestate a bordo vasca.

Il 17enne era in Italia come minore non accompagnato, in quanto privo di famiglia. Nella comunità “Gli argini“ di Bagno a Ripoli aveva avuto una chance per una nuova vita in Italia.

Mercoledì, con altri ospiti della struttura ed un accompagnatore, avrebbe passato la giornata in piscina. "Siamo profondamente addolorati per questa notizia. È un epilogo che non avremmo voluto mai avere. Ci stringiamo a quanti lo conoscevano e gli volevano bene", hanno detto il sindaco Dario Nardella e l’assessore allo sport Cosimo Guccione.

ste.bro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?