Liliana Segre a Palazzo Madama
Liliana Segre a Palazzo Madama

Firenze, 28 gennaio 2019 - Una mozione per conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz e testimone dell'Olocausto. L'atto, formalizzato dal Pd e sottoscritto dal Mdp, Firenze riparte a sinistra e Potere al popolo, è stato approvato all'unanimità dall'aula.

Il Consiglio approva a maggioranza anche la mozione, presentata da Mdp e appoggiata dal Pd, che impegna la giunta all'intitolazione di una strada, una piazza o un luogo a Silvano Sarti, storico volto della resistenza fiorentina scomparso lo scorso venerdì. Il documento, inoltre, invita la giunta a conferire al partigiano 'Pillo', nome di battaglia dentro la brigata Sinigaglia, la massima onorificenza cittadina, il Fiorino d'Oro.

Critico, sulla mozione Sarti, Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d'Italia: "Massimo rispetto per i morti e per chi ha combattuto per la difesa di un'idea. Per questo ho grande rispetto per la figura di Silvano Sarti. Ne ho meno per il signor Silvano Sarti, presidente di Anpi e attivista politico".

Torselli attacca il Pd: "Avete talmente tanta fifa delle elezioni di maggio che" ieri, alle cerimonia in piazza Signoria per Sarti, "avete fatto strumentalizzazione politica anche davanti ad una bara". Critico anche Jacopo Cellai, capogruppo di Forza Italia, che elenca tutti i momenti di contrasto politico, anche aspro, avuti in passato con Sarti.